Sospese Samp-Napoli per i cori razzisti e fu radiato. In un libro parla delle magagne del mondo arbitrale

da | Giu 1, 2020 | Calcio Napoli

Si giocava Sampdoria-Napoli, due anni fa. Koulibaly era al massimo del suo splendore agonistico, dalle sue parti non si passava. Una diga arcigna e impetuosa. Bisognava cercare di smontarlo ad ogni costo. E così dalla curva dei tifosi blucerchiati cominciarono a partire una serie prolungata di buu ogniqualvolta il difensore del Napoli toccava la palla. L’arbitro era Gavillucci. Sospese per un attimo la partita ed ammonì i tifosi. Ma il tentativo di dissuasione non ebbe alcun effetto. Dopo di che Gavillucci sospese la partita veramente, per oltre cinque minuti. Non era mai accaduto in serie A. Un mese dopo gli venne comunicato che non poteva più dirigere in serie A, dove era approdato al termine di una brillante e veloce carriera nel 2013.

Ora Claudio Gavillucci ha deciso di raccontare “le verità di un arbitro scomodo” in un libro da poco uscito per Chiarelettere, L’uomo nero, scritto dall’ex ‘fischietto’ di Latina, assieme alle giornaliste Manuela D’Alessandro e Antonietta Ferrante.


Come si legge in una presentazione, nel volume c’è il “racconto dall’interno dell’arbitro che ha osato mettere in discussione un sistema rivelandone ombre, condizionamenti e opacità”. Una testimonianza, quella di Gavillucci, che finì, poi, ad arbitrare nei campetti di provincia, che è “un viaggio nel mondo degli arbitri reso possibile anche grazie alla pubblicazione di documenti inediti”. E che “rivela una realtà finora sconosciuta e risponde alle tante domande che ogni tifoso o appassionato di calcio si pone: esiste una sudditanza psicologica rispetto ai club più blasonati? Quanto incidono i media sulle valutazioni dei direttori di gara? Quanto guadagnano gli arbitri? Che contratti e che tutele hanno? Sono davvero indipendenti? Che cosa ha prodotto l’introduzione del Var?”.


Gavillucci, che fece ricorso alla giustizia sportiva e al Tar con una causa tuttora pendente, “risponde a questi e altri interrogativi conducendo il lettore nelle segrete stanze di una realtà che fa dell’assoluta riservatezza la sua bandiera”. Un libro-denuncia, così lo presenta lui stesso, di “logiche e meccanismi di potere nella cabina di comando del sistema arbitrale”. 

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te