Covid-19, l’immunologo Le Foche: “Il virus si è spento”

da | Giu 1, 2020 | Primo piano

Il virus si sta spegnendo, anzi in parte si è già spento”. Ne è fermamente convinto Francesco Le Foche, professore di immunologia, primario di immuno-infettivologia al day hospital del Policlinico Umberto I di Roma, che nel corso di un’ampia intervista sull’edizione odierna di Libero spiega come il lockdown abbia impedito al Covid-19 di riprodursi, facendolo affievolire. “Il caldo – aggiunge l’immunologo – gli assesterà un ulteriore colpo, a patto naturalmente che la gente continui ad avere comportamenti virtuosi. Più si innalzerà la temperatura e meno probabilità avremo di infettarci, succede per tutte le forme virali. Le goccioline non saranno più in grado di essere veicolate a distanza”.

Si tratta, secondo Le Foche di un virus mutato a causa delle misure messe in atto, che hanno quindi drasticamente ridotto la carica virale: “A volte – dichiara il professore – è talmente bassa che i test non rilevano più il Covid. Facciamo sempre più tamponi e troviamo sempre meno malati. […] Chi si ammala oggi, ha una condizione di febbriciola e di astenia che si prolunga per 2-3 settimane. È una sindrome diversa”.

Le Foche si inserisce quindi nel filone degli ottimisti come Alberto Zangrillo primario e direttore della terapia intensiva del San Raffaele di Milano nel corso del programma Mezz’ora in più di Rai3 aveva dichiarato con sicurezza che “il virus clinicamente non esiste più”, scatenando diverse agitazioni nel mondo scientifico.

Le Foche si dice tranquillo anche sulla questione della riapertura delle regioni: “Non dobbiamo pensare che le persone siano incoscienti o ignoranti. Non vanno bersagliate di messaggi terroristici. Va detto ciò che sta succedendo, e cioè che stiamo procedendo abbastanza bene, anche se non mi stancherò mai di dire che ci vuole responsabilità. Se sarà così vivremo un’estate tranquilla e forse anche l’autunno”.

Proprio ieri nel corso di un’altra intervista al Corriere della Sera aveva infatti giù affermato che se ci dovesse essere una seconda ondata sarà probabilmente a dicembre con l’arrivo del freddo, ma non sicuramente a settembre-ottobre e che comunque l’emergenza dei mesi scorsi potrebbe restare un unicum: “Non credo che torneremo a vivere un’esperienza tanto tragica – sostiene Le Foche – Penso più a un’ondata paragonabile a quella prodotta da una forte influenza che è una malattia seria, non dimentichiamolo, con complicanze importanti ed esiti mortali. Abbiamo avuto epidemie influenzali caratterizzate da una letalità simile a quella da Covid”. Ci si avvia insomma verso una convivenza “pacifica” col virus, divenuto molto meno letale.

Interpellato infine sullo stop dettato dall’Aifa alla somministrazione della clorochina per i gravi effetti collaterali che causerebbe, Le Foche tra i primi fautori del suo uso per il contrasto al Covid-19, continua a sostenerne la validità: “L’insieme di farmaci messo in campo nei primi giorni dell’emergenza ha evitato un numero ancora più elevato di decessi e contagi – ricorda l’immunologo -. L’antimalarico viene utilizzato in tutto il mondo come prevenzione per le malattie autoimmuni. Prima di somministrare il Plaquenil va fatta una visita oculistica e cardiologica per scongiurare l’insorgere di problemi. Ma – conclude Le Foche – se non ci fosse stata la clorochina…”

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te