Frontiere chiuse all’Italia: ecco dove non si potrà andare

da | Mag 31, 2020 | Cronaca

Frontiere chiuse all’Italia. Se nella Penisola dal 3 giugno sarà prevista la possibilità di entrare in Italia da tutti i Paesi dell’Unione europea, dell’area Schengen compresi Svizzera e Monaco senza più l’obbligo di quarantena obbligatoria con isolamento di 14 giorni, lo stesso non può dirsi, almeno per ora per gli italiani che vorranno recarsi all’estero.

A limitare l’accesso agli italiani Grecia, Svizzera, Croazia, Austri. La Grecia ha diramato una lista di 29 Stati ai quali dal 15 giugno quando gli aeroporti riprenderanno i voli internazionali riaprirà il turismo. Tra questi l’Italia non figura. La Svizzera più cautamente allo stato attuale ha comunicato che aprirà le frontiere dal 15 giugno a Germania, Austria e Francia, ma non all’Italia, e sconsiglia in questa fase al suo popolo anche i viaggi verso l’Italia. Le cose potrebbero cambiare a partire dal 6 luglio.

Porte aperte in Croazia per dieci Paesi in cui i numeri del contagio sono positivi: Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia. Ma chiuse all’Italia.

L’Austria ha annunciato che dal 15 giugno aprirà i confini a Svizzera, Liechtenstein e Germania ma non all’Italia.

Porte semi aperte negli altri Paesi: il Regno Unito impone la quarantena obbligatoria di 14 giorni a tutti coloro che arrivano dall’estero, pena una multa di 1000 sterline. Obbligo previsto per ora anche in Spagna. In Germania l’ingresso è consentito solo per transito per rientrare nel proprio Paese di origine o di residenza, almeno fino al 15 giugno.

Più morbida la posizione della Francia che dal 15 giugno riaprirà i confini con i Paesi europei, senza esclusione per l’Italia ma con l’obbligo per tutti di una dichiarazione che attesti l’assenza di sintomi.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te