Napoli, riapre da oggi il Bosco di Capodimonte

da | Mag 30, 2020 | Cronaca

Oggi, sabato 30 maggio 2020 il Real Bosco di Capodimonte riaprirà in piena sicurezza per i visitatori e per i lavoratori. Il Bosco dopo l’apertura della fase 2 dal 18 maggio, era stato chiuso nuovamente lo scorso 23 maggio a causa delle numerose infrazioni degli utenti nonostante tutte le misure precauzionali che erano state messe in atto dalla struttura ma anche per il mancato raggiungimento di un accordo con la vigilanza.

“Sono molto soddisfatto del confronto positivo con le parti sociali” afferma il direttore Sylvain Bellenger che dal 2017 ha portato avanti un intenso lavoro di cura e di restauro del Bosco restituendone pezzi sempre più ampi alla città. Lavoro che non si è mai fermato e che prosegue in questo periodo di Coronavirus in cui l’attenzione per la sicurezza dei lavoratori e dei visitatori è massima da parte della Direzione.

Soddisfatti anche i sindacati: “Il confronto positivo e rispettoso dei ruoli istituzionali delle parti – si legge in una nota – ha concretizzato la proposta avanzata dal Prefetto e si è convenuto sulla realizzazione di un programma temporale di tre mesi monitorato attraverso l’istituzione di un tavolo tecnico permanente che tenga conto dell’emergenza epidemiologica e che affronti la drammatica carenza di personale attraverso proposte condivise nell’impiego e nel reclutamento delle risorse umane disponibili e in linea con quanto concordato con il Dicastero attraverso il confronto con le rispettive Federazioni nazionali di categoria”.

“Quando è nata la questione, e ho letto sui giornali che il Bosco chiudeva per troppe infrazioni, da sindaco mi sono preoccupato – ha commentato de Magistris -. Ho chiamato e ho chiesto quali fossero queste infrazioni. Conosco un po’ i napoletani, e conosco molto il rispetto che hanno di quel Bosco, dove il direttore ha fatto un lavoro straordinario. Il direttore – ha aggiunto il sindaco – mi ha detto che il problema non erano le infrazioni, ma era legato alla vigilanza“, ha spiegato de Magistris. La notizia che girava era questa: il colpevole è il napoletano. Invece – ha sottolineato de Magistris – si trattava di una vertenza interna al personale. Il direttore ora ha preso l’impregno di riaprire, ma a prescindere da questo, oggi (ieri per chi legge, ndr) si ritroverà l’ordinanza. Il Bosco deve essere riaperto, o la gente che ci andava si concentrerà ancora di più in altri posti“.

Il provvedimento emanato nella serata di ieri dal sindaco ha infatti ordinatola riapertura del Bosco di Capodimonte, così come di altri spazi cittadini come l’ippodromo di Agnano, l’ex area Nato, il Real Bosco di Capodimonte, il parco della Villa Floridiana, prospettando l’apertura di ulteriori luoghi che saranno individuati successivamente.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te