“Bombe” di vitamina C potenziano difese e immunoterapia anti-cancro

da | Mag 30, 2020 | Salute

Duemila arance al giorno: è la ‘bomba’ di vitamina C che può aiutare a sconfiggere i tumori, potenziando l’attività anticancro del sistema immunitario e rendendo più efficaci e meglio tollerate le immunoterapie a base di inibitori dei checkpoint, promettenti ma spesso gravate dalla comparsa di resistenze al trattamento e da un aumento del rischio di malattie autoimmuni. Per essere utili però le mega-dosi di vitamina C, impossibili da assumere con alimenti o integratori per bocca, devono essere somministrate per via endovenosa per almeno due settimane: lo dimostra una ricerca pubblicata di recente su Science Translational Medicine dai ricercatori dell’Istituto di Candiolo, che è stata condotta su topolini con melanomi o tumori della mammella, al colon-retto o al pancreas, sottoposti o meno a immunoterapia oncologica. Gli incoraggianti risultati riaccendono i riflettori sull’uso della vitamina C come anticancro, ma in maniera completamente nuova rispetto al passato e agli antipodi delle strategie ‘fai da te’ con integratori e supplementi.


“ Dopo i dati positivi sull’aumento della sopravvivenza in pazienti con tumori trattati con vitamina C raccolti negli anni ’70 ma mai adeguatamente riprodotti e comprovati, gli studi sul ruolo di questa vitamina nel cancro sono stati a lungo abbandonati – spiega  Alberto Bardelli, direttore del Laboratorio di Oncologia Molecolare presso l’Istituto di Candiolo  e professore ordinario del Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino –  Di recente si è scoperto che la vitamina C somministrata per via orale non può essere assorbita dall’intestino a dosi tali da avere un effetto anticancro; così abbiamo deciso di testare mega-dosi iniettandole direttamente nel peritoneo di topolini affetti da diversi tumori solidi, cercando di capirne l’effetto sul cancro e sul sistema immunitario”. I risultati mostrano innanzitutto che la vitamina C da sola ‘accende’ i linfociti T e li attiva a rispondere meglio contro il tumore, che così rallenta in maniera significativa la sua crescita. 
“ Questo conferma che il possibile effetto anticancro della vitamina C è mediato dall’azione positiva che essa ha sul sistema immunitario – osserva  Federica Di Nicolantonio, professore associato all’Università di Torino e a capo del laboratorio di epigenetica del cancro presso l’Istituto di Candiolo –  Abbiamo quindi cercato di capire se tale effetto si mantenga anche in caso di immunoterapia, co-somministrando la vitamina C assieme a due farmaci inibitori dei checkpoint, già approvati per la terapia di alcuni tumori ma gravati da frequenti effetti collaterali, come la comparsa di resistenze al trattamento o di malattie autoimmuni”. 
I checkpoint sono infatti ‘freni molecolari’ che in condizioni normali controllano il sistema immunitario bloccando reazioni di difesa eccessive che danneggerebbero i tessuti o provocherebbero appunto malattie autoimmuni: sbloccarli attraverso gli inibitori è utile in caso di tumori, perché la risposta immune diventa così più incisiva e può avere la meglio sul cancro, ma è frequente la comparsa di reazioni autoimmuni che impongono lo stop alle cure.  


“ La contemporanea somministrazione delle mega-dosi di vitamina C ha potenziato l’effetto dell’immunoterapia con gli inibitori di checkpoint, rallentando la crescita dei tumori e addirittura portando alla regressione completa in alcuni animali con tumore al seno.  Si tratta di risultati pre-clinici, ma se saranno confermati da successivi studi sull’uomo la ‘triplice terapia’ con vitamina C e i due inibitori di checkpoint potrebbe aprire la strada a nuove prospettive di cura nell’ambito delle terapie oncologiche integrate, rendendo le iniezioni endovenose di vitamina C ad alte dosi una strategia da abbinare all’immunoterapia” conclude  Bardelli.

Fare la spesa al tempo del Covid

Fare la spesa al tempo del Covid

I consigli utili per diminuire il rischio di contagiarsi da quando si è a casa a quando si esce per acquistare qualcosa Diciamolo subito: non esiste il rischio zero in quanto al contagio da Coronavirus. È possibile, però, ridurre al minimo la possibilità di essere...

Sanità 5.0, Pascale – Filippine: intervento in streaming

Sanità 5.0, Pascale – Filippine: intervento in streaming

È l’unico aspetto positivo della pandemia: unire i popoli. E ad unirli è soprattutto la sanità che funziona e che non si ferma. Questa mattina 250 chirurghi filippini si sono collegati con le sale operatorie del Pascale. Per gli asiatici è stato un evento nazionale: è...

L’ansia da Covid  peggiora la salute di denti e gengive

L’ansia da Covid peggiora la salute di denti e gengive

I denti si rompono e le gengive si ammalano di più: è uno degli effetti indiretti del Covid-19. L’allarme arriva dagli USA dove sono in aumento i casi di pazienti che si rivolgono al dentista per fratture dentali e complicanze parodontali. Altrettanto sta avvenendo in...

Pascale, i reparti diventano gallerie d’arte

Pascale, i reparti diventano gallerie d’arte

Dopo le sale d’attesa il colore invade le corsie. La solidarietà questa volta arriva da Giovenale Tresca, un medico di Benevento, che ha donato ben 52 opere all’Istituto dei tumori di Napoli Colore e forme nei luoghi di cura pensati per il benessere del paziente. Sono...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te