La Giunta Comunale, per volontà del sindaco Luigi de Magistris e su proposta dell’Assessore all’Anagrafe e allo Stato Civile – Rosaria
Galiero – ha votato una delibera che prevede la celebrazione dei matrimoni civili e la costituzione delle unioni civili nelle aree pubbliche comunali di rilevanza storico-ambientale e turistica della città di Napoli.


“Con questa scelta Napoli – dichiara l’assessore Rosaria Galiero – rintraccia una tendenza riconosciuta anche dai mass media nazionali ed
internazionali che vedono la nostra città scelta tra i migliori luoghi in Italia dalle coppie italiane e straniere per i matrimoni civili.
Nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza sanitaria per contrastare il rischio di contagio da Covid 19 – aggiunge l’assessore – Napoli apre i suoi beni di pregio e valorizza l’aspetto artistico e culturale che le è proprio, offrendo ai nubendi italiani e stranieri la possibilità di celebrare matrimoni e unioni civili all’aperto.
Siamo particolarmente contenti come Amministrazione Comunale – conclude Galiero – poiché una scelta del genere risponde anche
all’esigenza di una serie di figure professionali “piegate” dagli effetti del Corona Virus, così fungendo da stimolo all’indotto cittadino
derivante da tale eventi, rilanciando la loro mission sociale attraverso l’opportunità di lavorare in location massimamente all’aperto, storiche,
in prosssimità del mare, etc”.