Tempo di lettura: 2 minuti


Ischia, come tutte le località turistiche della regione, sta subendo gravissimi contraccolpi dall’epidemia di coronavirus. Questo primo week end ha fatto registrare poche presenze e si teme che almeno fino a quando non saranno aperte le regioni il numero dei villeggianti possa non aumentare.


In questo panorama sconfortante ecco una buona notizia: l’Ischia Global Film, la rassegna inventata da Pascal Vicedomini si farà regolarmente, dal 12 al 19 luglio, con un nuova formula. ”Si farà e lo dobbiamo ad un isola che in diciotto anni è divenuta punto di riferimento per lo show-business internazionale. Da qui vogliamo trasmettere al mondo l’immagine di un’estate italiana all’insegna della Campania sicura, come dice il presidente della Regione Vincenzo De Luca, dell’ottimismo e del rilancio per tutti i settori dell’arte e del turismo”. Lo ha annunciato Tony Renis presidente onorario della kermesse amata da Hollywood, anticipando che la nuova formula si chiamerà “Ischia Smart Film 2020” e che vuole essere in particolare uno strumento a servizio dell’Industria italiana del Cinema e dell’Audiovisivo in questo difficile momento.
“Sono tanti gli amici dello spettacolo che saranno al nostro fianco, Ischia è amatissima negli States e in tutto il mondo, l’Italia è la sede ideale per le produzioni internazionali per bellezza del paesaggio e talento degli operatori” ricorda. E tra i tanti set che si spera possano presto scegliere l’Isola verde anche quello della serie “Ripley” firmata da Steven Zaillian, premio Oscar americano l’anno scorso presidente del Global fest.


Naturalmente bisognerà mettere nel conto che anche a luglio ci saranno delle limitazioni dovute motivi di sicurezza. Nel rispetto delle indicazioni dettate dall’emergenza sanitaria il Global fest si avvarrà quindi anche della tecnologia e delle piattaforme social per creare eventi virtuali con protagonisti dell’industria e delle arti collegati da vari Paesi che potranno così dialogare con gli operatori nazionali presenti sull’isola.
Sono state pertanto confermate quindi le date annunciate già dallo scorso febbraio dagli USA, in occasione della quindicesima edizione di “Los Angeles, Italia – Film, Fashion and Art Fest” da Pascal Vicedomini: il festival sarà lanciato attraverso eventi promozionali anche digitali, in Italia e nel mondo. Nel Board del Global Film & Music Festival, promosso col sostegno del Mibact (Dg Cinema), e Regione Campania e la partecipazione della Siae e di Nuovo Imaie, insieme a Tony Renis anche anche gli honorary members Marina Cicogna, Franco Nero, Enrico Lucherini, Enrico Vanzina, l’ex presidente degli Oscar Cheryl Boone Isaacs ed i produttori Mark Canton (USA) e Trudie Styler (UK).