Sabato notte di follia a Napoli, movida impazzita e traffico paralizzato sul Lungomare fino alle 4 del mattino

da | Mag 24, 2020 | Primo piano

È successo di tutto e di più. Nemmeno ai tempi più floridi della movida si era assistito ad uno spettacolo del genere. Come se il coronavirus, i suoi centomila morti, i sessantamila ancora malati e gli oltre cento morti al giorno fossero un brutto sogno e basta. Per i ragazzi napoletani non è successo nulla.


Basti solo penare che il traffico è rimasto paralizzato fino alle 4 del mattino, che i parcheggiatori abusivi sono tornati, vecchi e nuovi tutti al loro posto, e per rifarsi del perduto hanno rincarato la dose con la protervia di sempre.
Il tutto nel più assoluto dispregio delle norme. De Luca e de Magistris si mettessero d’accordo, così si rischia davvero di far riesplodere un’epidemia che con il sacrificio collettivo i napoletani hanno praticamente quasi ridotto a zero.
Dopo le follie di stanotte bisognerà attendere con ansia altri dieci-dodici giorni per capire se questi giovani di poco belle speranze non abbiano fatto, con la loro irresponsabilità, un bel piacere al virus.


Assembramenti e bivacchi, schiamazzi, risse tra giovani e residenti esasperati a filmare il tutto. I testimoni di questa grande notte di follia che si è celebrata sul Lungomare di Napoli (ma non solo) in occasione del primo sabato post lockdown parla di “una follia collettiva”. Migliaia di persone, prevalentemente giovani e prevalentemente senza mascherina, si sono riversati in strada, a piedi o con le auto, con i marciapiedi utilizzati come corsie preferenziali da auto e moto, nonostante i locali della movida abbiano rispettato il limite della chiusura alle 23.


Gli stessi assembramenti si sono verificati tra via Monteoliveto e piazza del Gesù, nella piazza antistante la vecchia Pretura, e al Vomero tra piazza Fanzago, piazza Vanvitelli e piazza Immacolata. E proprio nel quartiere collinare due vigili si erano avvicinati a un gruppo di ragazzi che non rispettavano le regole del distanziamento e sono stati aggrediti e picchiati.
Ma almeno in queste altre zone della città non c’è stato il problema del traffico paralizzato.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, così come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto più ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te