Sabato notte di follia a Napoli, movida impazzita e traffico paralizzato sul Lungomare fino alle 4 del mattino

da | Mag 24, 2020 | Primo piano

È successo di tutto e di più. Nemmeno ai tempi più floridi della movida si era assistito ad uno spettacolo del genere. Come se il coronavirus, i suoi centomila morti, i sessantamila ancora malati e gli oltre cento morti al giorno fossero un brutto sogno e basta. Per i ragazzi napoletani non è successo nulla.


Basti solo penare che il traffico è rimasto paralizzato fino alle 4 del mattino, che i parcheggiatori abusivi sono tornati, vecchi e nuovi tutti al loro posto, e per rifarsi del perduto hanno rincarato la dose con la protervia di sempre.
Il tutto nel più assoluto dispregio delle norme. De Luca e de Magistris si mettessero d’accordo, così si rischia davvero di far riesplodere un’epidemia che con il sacrificio collettivo i napoletani hanno praticamente quasi ridotto a zero.
Dopo le follie di stanotte bisognerà attendere con ansia altri dieci-dodici giorni per capire se questi giovani di poco belle speranze non abbiano fatto, con la loro irresponsabilità, un bel piacere al virus.


Assembramenti e bivacchi, schiamazzi, risse tra giovani e residenti esasperati a filmare il tutto. I testimoni di questa grande notte di follia che si è celebrata sul Lungomare di Napoli (ma non solo) in occasione del primo sabato post lockdown parla di “una follia collettiva”. Migliaia di persone, prevalentemente giovani e prevalentemente senza mascherina, si sono riversati in strada, a piedi o con le auto, con i marciapiedi utilizzati come corsie preferenziali da auto e moto, nonostante i locali della movida abbiano rispettato il limite della chiusura alle 23.


Gli stessi assembramenti si sono verificati tra via Monteoliveto e piazza del Gesù, nella piazza antistante la vecchia Pretura, e al Vomero tra piazza Fanzago, piazza Vanvitelli e piazza Immacolata. E proprio nel quartiere collinare due vigili si erano avvicinati a un gruppo di ragazzi che non rispettavano le regole del distanziamento e sono stati aggrediti e picchiati.
Ma almeno in queste altre zone della città non c’è stato il problema del traffico paralizzato.

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te