Napoli, abbonamenti trasporto pubblico: chi non li ha utilizzati potrà rivalersi

da | Mag 22, 2020 | Cronaca

Dal primo giugno gli utenti del trasporto pubblico locale potranno chiedere il ristoro degli abbonamenti rimasti inutilizzati a causa del blocco delle attività per combattere il Coronavirus. Una battaglia portata avanti con successo dal presidente della commissione consiliare mobilità, Nino Simeone, e che si è sboccata grazie all’intervento della Regione Campania che, insieme con altre Regioni, aveva chiesto al governo una apposita norma che consentisse di prorogare la validità degli abbonamenti. Una questione che riguarda decine di migliaia di persone – soprattutto studenti e lavoratori – che dall’8 marzo, causa forza maggiore, non hanno potuto usufruire dei titoli di viaggio già pagati.

L’abbonamento mensile acquistato per il mese di marzo potrà essere sostituito con un altro abbonamento di pari valore e validità per un nuovo mese a scelta dell’utente. L’abbonamento annuale potrà essere prorogato di ulteriori 60 giorni di validità. Tutti gli interessati potranno consultare nei prossimi giorni i siti delle aziende di trasporto oppure il Consorzio Unico Campania per conoscere le modalità.

L’iniziativa di Simeone era scattata sin da subito ma si è sbloccata quando, non ricevendo riscontri, il presidente della commissione consiliare trasporti di Napoli  si è rivolto direttamente al governatore De Luca ed al presidente della commissione regionale trasporti, Luca Cascone,  che hanno accolto la proposta avviando l’iter necessario. Gli utenti che hanno conservato il titolo di viaggio non utilizzato,  dunque ora potranno rivalersi.

 Si consideri che in un giorno feriale medio la città di Napoli è interessata complessivamente da 575mila spostamenti sistematici, cioè per lavoro o per studio, in auto o con mezzi pubblici (dati ante Coronavirus). L’abbonamento mensile in ambito urbano costa 42 euro se integrato (cioè con la possibilità di utilizzare tutti i mezzi di trasporto delle aziende consorziate: metro, bus, funicolari…) mentre costa 35 euro quello che consente viaggi sui mezzi di una sola azienda. Gli abbonamenti annuali costano rispettivamente 294 e 235,20 euro.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te