Fase 2, De Magistris: “Decido io, apro tutto!”. De Luca: “No ai cafoni, basta droga e alcol”

da | Mag 22, 2020 | Primo piano

Il disgelo è durato l’espace d’un matin. Sembrava dovesse sbocciare un idillio tra il governatore della Campania De Luca e il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, i due si sarebbero dovuti incontrare nei prossimi giorni per sugellare un nuovo patto istituzionale. Non amicizia, ma rispetto reciproco per affrontare insieme il duro periodo della ricostruzione.

È bastato invece che De Luca autonomamente, senza consultarlo abbia deciso (giustamente) di anticipare la chiusura dei baretti vari alle 23 per scatenare le ire del sindaco. E siamo di nuovo ai ferri corti, con una virulenza della polemica che forse mai aveva raggiunto toni così aspri.

Il primo cittadino ha parlato ai microfoni di Kiss Kiss Napoli e non gliel’ha certo mandate a dire al governatore: “Non può chiudere alle 23 i locali perché così facendo concentri ancora di più le persone e dopo chi vuole bere lo farà nelle case dove c’è ancora più rischio di contagio e lui lo sa bene. De Luca sta facendo una propaganda a danno della città. De Luca deve programmare e rispondere della sanità, cosa che non fa, invece per acquisire consensi vuole entrare su temi che non gli appartengono. Non deve pensare a Via Chiaia o al centro storico, se si candida a sindaco può anche prendere il lanciafiamme e sparare ogni napoletano che incontra per strada”. 

Poi ha rincarato la dose ai microfoni di “Centocittà” trasmissione in onda su Radio1.

Sono completamente contrario alla chiusura anticipata. È sbagliato questo modo di procedere con le ordinanze regionali, sono i sindaci che devono regolamentare le città. La gente non scompare, ma succede esattamente il contrario. Noi dobbiamo aprire tutto ed è quello che farò io a Napoli, aprirò tutto h24: parchi, strade, metteremo una piattaforma di legno sulle scogliere”.

De Luca apparentemente non risponde in maniera diretta, ma la replica si evince dai contenuti. Il governatore lancia una campagna “cafoneria zero”.. Lo fa in occasione della ‘Fase 2’ e dello stop della movida alle ore 23: “Cogliamo l’occasione per umanizzare i momenti di incontro affinché non ci si rincretinisca con alcol e droghe.  Approfittiamo per fare una campagna cafoni zero, no boor”.
  “Teniamo bloccata la movida con la chiusura dei baretti alle ore 23 – ha detto in diretta Fb – nessuno può immaginare che tornare alla normalità sia tornare a fare quello che si faceva prima, dobbiamo avere il coraggio di dirlo ai giovani. C’è una crescente massificazione alienante anche per il divertimento”.
Il governatore si scaglia poi contro l’uso di alcol e pasticche, “approfittiamo per annullare queste abitudini a rincretinirsi”.  Al Viminale chiede di “dare direttive rigorose per il controllo dell’uso delle mascherine e assembramenti notturno” e chiede anche “che sia pubblicata ogni giorno la lista delle ammende fatte a chi non indossava le mascherine”.

Nella solita conferenza stampa ha affrontato i temi generali di sempre: “Ci stiamo muovendo secondo il modello Campania che prevede tre principi: aprire tutto per sempre, tutelare la vita, dare una mano alla povera gente e alle imprese in difficoltà. Nell’ultima settimana ci siamo mossi in maniera semplice e ordinata. I comportamenti più rigorosi venissero dal sud e qualche elemento di ‘ammuina’ venisse dal nord, questo è un altro elemento di novità della crisi.

La Campania ha dimostrato coerenza. Quando si parlava di autonomia differenziata, la Campania ha detto che in due campi bisogna mantenere l’unità Nazionale: sistema sanitario e sistema e formativo. La scuola è il luogo decisivo per la formazione della coscienza. Sono convinto che le regioni debbano gestire tutta la sanità perché sono loro ad aver salvato l’Italia. Non sarebbe stato possibile gestire da Roma i sistemi sanitari, sarebbe stato un disastro. La Campania ha difeso l’unità nazionale perfino contro l’orientamento del governo”.

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te