Addio a Carmine Alboretti, il giornalista che raccontava la forza della fede

da | Mag 22, 2020 | Cronaca


Se n’è andato all’improvviso, folgorato sotto gli occhi atterriti della moglie, senza che nessun preallarme potesse far prevedere una fine così repentina Carmine Alboretti ci ha lasciato a soli 44 anni, nel fiore degli anni e della carriera professionale. Era un giornalista di assoluto rigore morale e professionale, I primi passi li aveva mossi a Boscotrecase, il suo paese di origine, come corrispondente del Roma e di Metropolis. Contemporaneamente svolgeva la professione di avvocato. Ma l’irresistibile fascino del giornalismo lo aveva rapito ed aveva abbandonato le pandette. Era prevalso in lui il desiderio di raccontare i fatti della vita, della politica, della storia e del mondo cattolico, di cui era entusiasta ed appassionato sostenitore e divulgatore. Professionalmente era cresciuto a La Discussione, in quotidiano fondato da De Gasperi, dove, partendo dalla redazione napoletana, aveva scalato tutte le posizioni fino a diventarne redattore capo e vicedirettore.

.

Rigoroso, attento, sensibile ad ogni vicenda dove erano in gioco questioni Istituzionali, di trasparenza politica e di umanità. Il suo impegno nel mestiere è stato profondo, totale, scandito da quel senso di rispetto della professione, della verità e di come raccontarla con imparzialità e talvolta con ironia. Aveva qualità morali che lo hanno portato ad assumere anche l’incarico di consigliere giuridico dell’euro parlamentare Franco Roberti, ex procuratore nazionale antimafia. Ma non aveva tralasciato la collaborazione a La Discussione.

Verso la Chiesa aveva particolare attenzione aveva seguito il Conclave 2013 come vaticanista del quotidiano online “Il Punto”. Per il suo impegno nella promozione della dottrina sociale della Chiesa era stato nominato socio onorario del Parlamento della Legalità ed aveva ricevuto i Premi “Giovanni Paolo II” e “Padre Pio da Pietrelcina”. È stato autore di numerosi saggi sulla storia del francescanesimo, ha collaborato con il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

Come scrittore tra i suoi libri citiamo “La buona famiglia” e “Il Cantico di frate Vesuvio”. Così come innumerevoli articoli dedicati alla dottrina sociale, alle vicende di emarginazione, di impegno verso l’ambiente e la natura, come “Meraviglia del creato”.

Carmine per come ha lavorato, per il suo talento, la cortesia, la modestia, l’impegno e la dedizione mancherà a tutta la categoria del giornalismo campano e non solo. Lascia la sua adorata famiglia, la moglie Maria, il figlio Francesco, la sorella e la mamma. A tutti loro il senso del cordoglio e della vicinanza del “Quotidiano Napoli”.

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Il rettore Lucio d’Alessandro ha subito annunciato un tributo concreto all’ex presidente del Consiglio che è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici dell’Ateneo napoletano Dal politico come medico al ragionamento sempre aperto al dubbio ed al...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te