Il calcio riprende, oggi in Federazione si valuta ipotesi play off. Sì di De Laurentiis

da | Mag 20, 2020 | Calcio Napoli

Finalmente una luce sul mondo del calcio: si può ripartire: il Comitato tecnico scientifico ha detto sì al nuovo protocollo e le squadre di Serie A possono iniziare a pensare con una certa intensità alla ripresa del campionato. L’accordo raggiunto prevede l’abolizione del ritiro preventivo con le squadre che si alleneranno nei centri sportivi e i calciatori potranno tornare, a fine allenamento, nelle proprie abitazioni per dormire. In caso di positività di un calciatore, la squadra potrà continuare ad allenarsi senza andare in quarantena.

Il 28 sarà la data se si deciderà di andare avanti col campionato. La filtra ottimismo sulla ripresa della Serie A. Oggi è previsto il Consiglio Federale su come andare avanti: si stabilirà se svolgere il campionato normalmente o se praticare strade alternative. In queste ultime ore, infatti, sta tornando di moda l’ipotesi play off. Per motivi oggettivi. Riprendere il 13 è quasi impossibile, perché oltretutto il governo ha vietato fino al 14 qualsiasi manifestazione sportiva. I presidenti si sono resi conto che affrettare la preparazione comincia a creare guai muscolari, e nel frattempo l’Uefa preme perché tutto si concluda il 3 agosto. Perché allora non andare con più calma, ricominciare il 20 se non addirittura il 27 e giocarsi ai play off titolo e retrocessioni nel solo mese di luglio, con tutta calma e con maggiore tranquillità rispetto all’epidemia, che al momento continua a seminare morti ogni giorno?

Certo c’è che protesta e si oppone. Ma l’ultimo decreto di Conte ha attribuito alle Federazioni il potere di decidere sulla base della straordinarietà della situazione e quindi contro un’eventuale decisione del genere verrebbe meno anche lo spauracchio dei ricorsi.

Oggi si terrà il Consiglio Federale, si valuterà anche l’ipotesi play-off come possibile formula per completare il campionato, De Laurentiis la sostiene indicando nel 20 giugno la data più opportuna per la ripartenza mentre si studia il protocollo per le partite. 

Del resto anche l’Uefa sta valutando due situazioni alternative per portare a termine le coppe europee.

La prima prevede la Champions integrale. Al via il 7/8 agosto con il ritorno degli ottavi ancora mancanti (tra cui Juve-Lione e Barcellona-Napoli), e quindi via fino alla finale, giocando a metà settimana e nel weekend. L’alternativa prevede i quarti (e forse le semifinali) in gara secca, riducendo così le partite da 17 a 13 (oppure 11) e mantenendo l’eliminazione diretta fino alla finale.  Ci sono infine due soluzioni più originali che prevedono una fase finale in sede unica e richiederebbero meno tempo, massimo una decina di giorni. 1) Final four: dopo i quarti, le 4 qualificate si ritroverebbero a Istanbul per semifinali e finali. 2) Final eight: recuperati gli ottavi mancanti, le 8 promosse sarebbero concentrate sempre a Istanbul dove si giocherebbe ogni 72 ore.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te