Giovedì sarà grande festa a via Caracciolo per la riapertura dei ristoranti: antipasti gratuiti

da | Mag 19, 2020 | Cronaca

Per due mesi il lungomare più bello del mondo è morto. Non un’auto, non un’anima viva, non un alito. Se non avesse piovuto qualche giorno non si sarebbe sentito nemmeno il battere della pioggia sul selciato senza vita. Dov’era finita quella fettuccia d’asfalto che dal venerdì alla domenica brulicava di gente, di cittadini che correvano o semplicemente camminavano, di ragazzini festosi e vocianti? Avevamo persino cominciato a rimpiangere l’invasione delle bancarelle, dei venditori di zucchero filante e delle chincaglierie, che lo trasformavano in una sorta di suk non proprio commendevole. Ma abbiamo rimpianto anche questo.


Ebbene, da giovedì via Partenope e via Caracciolo potrebbero tornare a rivivere. C’è tutto un fervore di operai, di camerieri, di tecnici a prendere le misure con il metro in mano per sistemare i tavolini davanti ai ristoranti. E potranno spingersi anche più in avanti, tanto per il momento non si pagherà l’occupazione di suolo pubblico. I coperti saranno sostanzialmente ridotti alla metà. Ma chissenefrega. Finalmente si torna a vivere, sarà una festa, i ristoratori lo hanno preannunciato. Si sprecheranno i brindisi, una sorta di rituale che sarà finalizzata a mandare in soffitta i giorni più bui di questa tremenda sventura che è piombata come un’accetta sulla nostra gita quotidiana.

Molti ristoratori hanno già deciso, per festeggiare la riapertura, di offrire gli antipasti ai passanti. Certo mancheranno i turisti, che costituivano un enorme percentuale della clientela. Ma per ora basta ricominciare, poi verranno anche loro.

Il lungomare di Napoli tornerà a pulsare. Tutti sperano solo che questo maledetto allerta meteo, preannunziato dal solito servizio che di tanto in tanto manda all’aria i nostri piani, non rovini la festa.

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Vomero, controlli e sanzioni nelle zone della movida

Lo scorso fine settimana gli agenti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e gli agenti della Polizia Metropolitana, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te