“La Regione Campania adotti la bandiera delle Due Sicilie”: lettera aperta del Movimento 24 agosto a De Luca

da | Mag 18, 2020 | Cronaca

Il Movimento 24 Agosto di Equità Territoriale – (Campania),  attraverso la piattaforma di petizioni on line Change. org, ha inviato una lettera aperta al Presidente Vincenzo De Luca per chiedere che venga adottata la bandiera delle Due Sicilie da parte della Regione Campania, dal momento che in quello stemma sono riportati quelli di tutti i casati e i potentati che hanno governato il Regno di Napoli, per circa nove secoli. Una sintesi che nessuno escluse. 


L’identità della persona che ci fa riconoscere come individui e appartenenti ad un unico popolo e che crea quella che viene definita identità collettiva, diventa fondamentale in momenti di forte impatto emotivo come quello che stiamo vivendo. Essa rappresenta le radici a cui tutti siamo legati. L’uso di un emblema fortemente simbolico come può essere una bandiera diventa un veicolo comunicativo per riconoscersi ed essere riconosciuti.
 La richiesta vuole dare il giusto risalto alla gloriosa storia di un’intera comunità alla quale si vuole dare il giusto riconoscimento, così come tutte le altre regioni italiane.

La petizione

Di seguito il testo della petizione lanciata su Change.org:

Al Presidente della Regione Campania
on. Vincenzo De Luca

oggetto: richiesta adozione bandiera delle Due Sicilie da parte della Regione Campania

Egregio Presidente,
In un momento di forte impatto emotivo, in cui ognuno di noi è stato chiamato a misurarsi con sé stesso, una delle poche cose che non si è sbiadita perdendo il valore che fino ad un “attimo” fa le si dava è la propria identità. Essa rappresenta le radici a cui tutti indistintamente siamo legati, che creano quel naturale senso di appartenenza. Non è nostalgia ma il bisogno fondamentale di ogni individuo di legare il proprio vissuto a quello della famiglia d’origine. Va detto che al senso di appartenenza individuale se ne aggiunge un altro, quello del popolo: agisce nel medesimo modo e crea quella che viene definita identità collettiva. Essa rappresenta la parte più importante, su cui poggiano i valori di una comunità, con la sua storia, la sua cultura. In una parola: la sua memoria (intesa non solo come ricostruzione del passato ma anche come costruzione del futuro). Assume, dunque, un importante significato per ogni comunità l’uso di un emblema visibile e simbolico, come può esserlo una bandiera, quale veicolo comunicativo per riconoscersi ed essere riconosciuti.

La lunga premessa si rendeva necessaria per introdurre il motivo della presente: la salvaguardia del patrimonio storico- culturale-identitario della Campania simbolicamente rappresentato dalla bandiera delle Due Sicilie. E’ indubbio che la storia e l’identità di Napoli e della Campania, come del resto per tutto il Sud, sia stata per secoli rappresentata da quel vessillo, in cui sono presenti i simboli di tutte le dinastie che l’hanno governata: Normanni, Svevi, Angioni, Aragonesi, Asburgo… fino ai Borbone. Un simbolo inclusivo, dunque, in cui chi succedeva al trono riconosceva al predecessore, senza timore alcuno, il valore di quanto fatto per quel popolo. Quasi novecento anni di storia condensati in quella bandiera che, per stare al passo con i tempi, potremmo definire un QR-code. A questo punto siamo certi comprenderà da cosa sia spinta tale esigenza: la stessa che accomuna tutti i popoli, di cui ogni Regione se ne fa espressione. Come non ricordare la triscele della Regione Sicilia, simbolo sacro e testimonianza del glorioso passato; laToscana, così prepotentemente legata al mitico cavallo alato ed al giglio fiorentino; la Sardegna, profondamente legata alle sue vicende storiche espresse attraverso l’immagine dei quattro mori; o a Regione Liguria con la storia della Repubblica di Genova; e che dire della Regione Veneto rappresentata dal leone di San Marco, simbolo della Serenissima. Ovvio che esse siano solo alcune delle Regioni italiane, ma l’intento era quello di porre in evidenza la fierezza di chi riconosce nella propria storia un valore aggiunto. Inevitabile il riferimento alla Regione Campania e alla bandiera assunta, dove non appare traccia della storia del popolo che sarebbe tenuta a rappresentare(lo stendardo adottato, erroneamente attribuito alla repubblica di Amalfi, fa riferimento al Comune di Amalfi). Pertanto, sorprende non poco che non vi sia alcun accenno ai circa novecento anni di storia, dal 1130 in poi. Nulla che rimandi a quel glorioso passato, che ha inciso notevolmente nella storia europea, sia in termini economici che di prestigio. Esso sembra completamente rimosso proprio da coloro che sarebbero preposti a metterlo in luce e a custodirne la memoria. Detto ciò, siamo sicuri che su questo tema troveremo la sua piena approvazione.

Con questa consapevolezza siamo qui a sottoporre alla Sua attenzione la richiesta di adozione della bandiera delle Due sicilie da parte della Regione Campania,
quale simbolo riconosciuto della storia e dell’identità di una comunità. Altresì, ci permettiamo di dirLe che ciò costituirebbe il riconoscimento dato da chi è chiamato a rappresentarla e se ne fa portavoce senza timori di revanscismi e nostalgismi, ma come persona consapevole dell’importanza delle sue radici.
Confidando in un suo interessamento La ringraziamo dell’attenzione.

In attesa di un riscontro porgiamo
Distinti saluti


Annamaria Pisapia vice presidente Movimento 24 Agosto – Equità Territoriale;
Giuseppe Ercolino, referente Movimento 24 Agosto – Equità Territoriale per la Regione Campania
Angela Tuccillo, membro direttivo movimento 24A equità territoriale
Alberto Virtù, referente circolo movimento 24A equità territoriale Scafati
Maurizio Redi, referente circolo movimento 24A equità territoriale Caserta
Marcello Fulgione, referente circolo movimento 24A equità territoriale Alto Sele
Antonio Marsiglia, referente circolo movimento 24A equità territoriale Napoli
Alessandro Migliaccio, giornalista
Salvatore Argenio, imprenditore
Gianluca Bozzelli, avvocato cassazionista
Mauro Sasso del Verme, funzionario giudiziario
Antonio Apuzzo, collaboratore scolastico 
Emiliano Pagano, membro direttivo movimento 24A equità territoriale
Fabio Pellegrino, vicario circolo di Caserta movimento 24A equità territoriale 
Rosario Lopa, portavoce Consulta  Nazionale per l’Agricoltura e il Turismo
Antonio Lombardi, pedagogista; scrittore
Antonello Greco, giornalista

Franco Cafararo,  scrittore

Vincenzo Buonagurio, ottico

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te