Da giovedì 21 maggio in Campania le attività di ristorazione insieme alla consegna a domicilio e l’asporto potranno riprendere il servizio ai tavoli. Già da oggi invece i bar potranno cominciare con il servizio al banco, contingentando gli ingressi in base alle alle dimensioni dei locali, e rispettando il distanziamento fra i clienti di 1 metro per ogni metro lineare di bancone oppure prevedendo adeguate barriere di separazione per diminuire la distanza. Occorrerà disporre l’opportuna segnaletica orizzontale a terra che indichi il rispetto delle
distanze minime indicate.

Ma come si andrà al ristorante nella fase 2? L’ordinanza firmata da De Luca ieri stabilisce le linee guida alle quali dovranno attenersi le attività di ristorazione e i bar che offrono servizio al tavolo.

Nei locali dovrà essere sempre assicurata la distanza di 1 mt – distanziamento tra le persone (schiena – schiena); 1 mt – tra i tavoli.
Tali distanze dovranno essere indicate a terra con apposita segnaletica orizzontale. Qualora il rispetto di tali distanze non sia possibile, sarà allora necessario utilizzare idonee barriere di protezione come pannelli di dimensione minima in altezza di 1.60m realizzati in sicurezza
con materiali sanificabili, iginizzabili e non porosi.

Al fine di evitare assembramenti dovranno essere applicate le seguenti indicazioni:
a. non è consentito consumare alimenti in piedi.
b. ove possibile è consigliabile l’allestimento di zone di somministrazione all’esterno nelle aree di pertinenza del locale.
c. favorire l’utilizzo di tovaglie monouso o sostituirle per ogni cliente.
d. evitare la somministrazione di aperitivi con piatti condivisi utile privilegiando le monoporzioni.
e. Vanno eliminati modalità di servizio a buffet o similari.
f. applicare preferibilmente la modalità di prenotazione telefonica e/o digitale e sarà
necessario mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato per un periodo di 14 giorni
.
In tali attività non possono essere presenti all’interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere.
g. Negli esercizi che non dispongono di posti a sedere, consentire l’ingresso ad un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
h. La consumazione al banco è consentita solo se può essere assicurata la distanza interpersonale di almeno 1 metro tra i clienti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto
afferisce alla responsabilità individuale.
i. separare gli accessi di entrata e di uscita (laddove non fosse possibile sarà necessario prevedere il presidio dell’entrata al fine di monitorare gli ingressi e evitare assembramenti).
j. nei pressi dell’ingresso posizionare dispenser con gel igienizzanti per la pulizia delle mani dei clienti (preferire dispenser automatici a quelli manuali).
k. è preferibile non mettere a disposizione l’utilizzo del guardaroba se non si possono distanziare i soprabiti.
l. adottare menu digitali oppure altri meccanismi informatici da inviare anche sui dispositivi dei clienti. Nel caso di utilizzo di menù tradizionali questi dovranno necessariamente essere plastificati e igienizzati dopo ogni utilizzo.È opportuno utilizzare format di presentazione del menù alternativi rispetto ai tradizionali (ad esempio menù scritti su lavagne, consultabili via app e siti, menù del giorno stampati su fogli monouso).
m. si consiglia la predisposizione di barriere fisiche (es. barriere in plexiglas) in prossimità dei registratori di cassa oppure posizionare la cassa ad una distanza di sicurezza dall’utente oppure favorire sistemi digitali di pagamento direttamente dal tavolo (logicamente il pos va
sanificato ad ogni utilizzo).
n. dovranno essere privilegiati condimenti in contenitori monouso o laddove non fosse possibile sanificare i contenitori ad ogni utilizzo.
o. Al di fuori dei locali igienici dovranno essere previsti gel sanificanti. I locali igienici dovranno essere sanificati all’inizio di ogni turno di apertura al pubblico e almeno due volte durante l’orario di apertura.
p. L’ingresso ai locali sarà regolamentato da personale addetto che contingenterà l’accesso evitando assembramenti interni e in corrispondenza dell’ingresso verificando che i clienti indossino le mascherine.
q. Dovrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
r. Il cliente potrà togliere la mascherina solo quando seduto al tavolo. In qualunque altra condizione di presenza nel locale dovrà indossare la mascherina.