Fase 2, De Luca non ci sta: “Non ho firmato l’intesa col governo”

da | Mag 17, 2020 | Cronaca

“Nel rapporto Regioni-Stato dobbiamo avere una posizione equilibrata, per questo la Regione Campania non ha firmato l’intesa con il governo, la Campania non è d’accordo perché sulle linee generali della sanità occorre il parere del ministero della Salute, le responsabilità delle norme di sicurezza non possono essere scaricate sulle Regioni, questo non è accettabile!”. De Luca non ci sta, il governatore della Campania Vincenzo De Luca ospite in tv della trasmissione di Lucia Annunziata “In mezz’ora in più”, smentisce pubblicamente di aver raggiunto l’accordo con il governo, così come dichiarato da alcuni organi di informazione.

“Sentivo ieri le dichiarazioni del presidente del Consiglio – aggiunge De Luca -: dal 3 giugno liberi tutti. Io non lo so che succederà il 3 giugno, io ragionerò il 2 giugno per sapere qual è la situazione epidemiologica. Che significa liberi tutti? Se il contagio è contenuto va bene, ma se abbiamo ancora contagi che senso ha?”.

De Luca pone quindi l’accento sull’eccellenza della Campania nella gestione dell’emergenza: “Nessuno si sarebbe aspettato in Italia che la Campania reggesse come ha retto l’onda d’urto dell’epidemia. Questo accade perché ci siamo liberati dai commissari esterni – spiega De Luca – abbiamo preparato pronto soccorsi, fatto rete, assunto 800 infermieri in più, abbiamo preso decisioni anticipate rispetto al governo nazionale d’Italia, abbiamo la più alta densità abitativa d’Italia e se perdiamo il controllo qua viene un’ecatombe, ma abbiamo oggi il tasso più basso di decessi per Coronavirus in relazione alla popolazione. Si tratta di risultati importanti – commenta De Luca – che vanno a merito della sanità campania e dei nostri concittadini , questo risultato è avvenuto nella regione d’Italia che che ha meno risorse fra tutte le Regioni nel fondo sanitario nazionale. Non tutti sanno che la Campania riceve pro capite ogni anno 45 euro in meno rispetto a un cittadino del Veneto, 40 euro in meno della Lombardia, 60 euro in meno rispetto all’Emilia Romagna, 30 euro in meno rispetto al Lazio. La Campania viene rapinata ogni anno di 300 milioni di euro dallo Stato centrale”.

Il governatore coglie quindi l’occasione per rimarcare il grande lavoro svolto, nonostante le poche risorse, dai medici campani: “Abbiamo appreso dai giornali americani che l’ospedale più efficiente al mondo per la cura del Coronavirus è il Cotugno. Al Sud – sottolinea De Luca- ci sono elementi di assoluta eccellenza che meritano rispetto e valorizzazione”-

.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te