I soldi del Sud dirottati al Nord. Sono finiti in cliniche private e nell’Expo di Milano

da | Mag 15, 2020 | Cronaca

I soldi del Sud sono andati all’Expo di Milano e alle cliniche private del Nord. A denunciarlo è l’Italosvizzero Klaus Davi. Basti pensare che secondo i dati dell’Eurispes in 17 anni dal 2000 al 2017 ben 840 miliardi di euro sono stato dirottati dal Su al Centro-Nord Italia.

Queste le dichiarazioni del giornalista e saggista Klaus Davi, che è consigliere in un Comune della Calabria, San Luca:

“Il Sud non è stato depauperato dal caso o dall’indolenza dei meridionali. C’è stato un disegno politico-criminale preciso che ne ha determinato il saccheggio. Fatto su cui non è stata mai fatta chiarezza, ma non è detto che non accadrà in futuro.

“L’impoverimento del Sud, come ha dimostrato Report di Rai Tre per quanto riguarda alcune normative, è stato frutto di un preciso disegno politico trasversale che purtroppo ha coinvolto anche la sinistra.

Con la scusa dell’Expo – e ricordiamoci che è stato un fenomeno tutt’altro che trasparente della nostra economia e sulle cui forti ambiguità sul piano legale magari la storia farà chiarezza – per non parlare dello scientifico potenziamento della sanità privata del nord costruito per obbligare milioni di meridionali a curarsi nelle cliniche degli industriali del Nord, non sono stati frutto di un caso”.

“Volonterosa carnefice e complice del disegno naturalmente è stata anche la ‘Ndrangheta che ha garantito ‘ordine e disciplina’ sul territorio ed è stata lasciata al potere per decenni. Ora si temono le rivolte sociale e la ribellione ‘fomentate dalla mafia’. Non solo dalla mafia, purtroppo che ci sguazza ma anche dal sistematico furto legale esercitato da certa politica che ha condannato a morte i nostri territori”.

“Ci hanno tolto gli ospedali, ci hanno tolto i servizi, ci hanno tolto la dignità. Ma avete mai visto un politico preoccuparsi dell’ospedale di Locri! Non interessava a nessuno e ora temono le rivolte! Siamo al ridicolo!”.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te