de luca
Tempo di lettura: 2 minuti

”La Campania è la regione d’Italia che riceve meno soldi di tutte nel riparto del fondo sanitario nazionale. Lo ricordo sempre, in modo tale che ci capiamo bene quando si parla di Nord e di Sud”. Così il governatore della Campania Vincenzo De Luca nella consueta diretta Facebook del venerdì.

“Non ci interessa la demagogia, ma i numeri, che parlano chiaro – spiega De Luca. Riceviamo pro capite ogni anno 45 euro in meno rispetto al Veneto, 40 euro in meno rispetto alla Lombardia, 60 euro in meno rispetto all’Emilia Romagna, 30 euro in meno rispetto al Lazio. La Regione Campania è la più penalizzata d’Italia, cioè la Regione che viene è depredata ogni anno di 350 milioni di euro. Lo Stato italiano dovrebbe vergognarsi e rispetto a questo dato indegno di un Paese civile, lo Stato non ha fatto nulla. Nessuna coalizione politica ha fatto niente, di centrodestra o di centrosinistra. C’è un blocco di interessi nordista che ha prevalso su ogni regola di civiltà e di correttezza”

“A questo dato – aggiunge il governatore – nel periodo dell’epidemia, si è aggiunta per l’ennesima volta un’altra penalizzazione: la Campania ha ricevuto meno tamponi di tutte le regioni d’Italia. Alla Campania è stato trasferito un tampone ogni 50 abitanti, al Veneto uno ogni 16, cioè 4 volte di più, al Piemonte uno ogni 19, alla Lombardia uno ogni 21, all’Emilia uno ogni 22 e al Lazio uno ogni 25. Cioè, nella migliore delle ipotesi, alla Campania hanno dato la metà dei tamponi rispetto ad altre Regioni e un quarto rispetto al Veneto. Per quanto riguarda le mascherine – ricorda De Luca – un mese fa ho dovuto fare il pazzo perché non arrivavano neanche le mascherine Ffp2 e Ffp3 che servivano al 118 per andare a prendere curare gli ammalati. Anche sui dispositivi di protezione individuale la Campania ha ricevuto un terzo di quello che è stato mandato ad altre parti d’Italia. Davvero abbiamo fatto in Campania un miracolo, possiamo camminare a testa alta e dire senza tema di smentita che anche con queste condizioni di partenza abbiamo dimostrato di essere la Regione più efficiente d’Italia con il numero più basso di decessi più basso d’Italia tra le grandi Regioni in relazione alla popolazione residente e il numero più basso di positivi in relazione alla popolazione residente