Se il calcio ripartirà, dovrà farlo senza il razzismo del Nord negli stadi

da | Mag 13, 2020 | Primo piano, Sport

In questi giorni si dibatte molto sul futuro del calcio italiano. La Lega Serie A è impegnata nella sfida di far ripartire il campionato e sta duettando col Governo sull’argomento ormai da settimane. Si guarda ogni minimo aspetto e appare probabile una ripresa del campionato inizialmente senza tifosi.

L’occasione è ghiotta per stabilire una volta per tutte che quando i tifosi potranno tornare allo stadio, dovranno farlo solo rispettando una serie di regole intransigenti di comportamento, com accaduto in Inghilterra quando hanno sconfitto gli hooligans istituendo delle pene severe e immediate per i violenti. In Italia il cancro degli stadi è il razzismo, come sottolineato a più riprese da Carlo Ancelotti durante la sua esperienza a Napoli. Insomma, oggi si pone grande attenzione a tutte le parti in causa, ma si sta dimenticando di resettare le norme sul razzismo. Siamo stanchi di sentire cori beceri contro Napoli o contro il colore della pelle di questo o quel calciatore. Basta razzismo. Il tifo di alcuni stadi del Nord deve cambiare la sua mentalità retrograda. Limitarsi allo sfottò calcistico. Secondo i dati dell’Aic, infatti, il Nord Italia è l’area nella quale si registra il maggior numero di casi di razzismo negli stadi o nelle zone di passaggio degli impianti sportivi (42%), ma anche propriamente sul campo da gioco (57%). A livello territoriale, Roma (14%), Milano (9%), Padova e Torino (7% ciascuna) sono le città in cui è stato registrato il maggior numero di episodi di razzismo “dentro gli stadi”.

I dati al riguardo del razzismo negli stadi italiani sono contenuti nel Report dell’Associazione italiana calciatori che a partire dalla stagione 2013/2014 ha istituito un Osservatorio con l’obiettivo di censire tutti gli atti di violenze, intimidazione e minacce compiuti nei confronti dei calciatori, sia professionisti che dilettanti. Quest’anno, nello specifico, l’Aic ha voluto dedicare un dettagliato e approfondito report centrato sugli episodi di razzismo, riguardo al quale, scriveva il presidente Tommasi nel prologo, “da tanti anni, ormai, si lanciano campagne, si propongono spot o percorsi formativi ma alla fine resta una sensazione enorme di impotenza”. “Nei campionati giovanili sono purtroppo in aumento gli episodi di discriminazione – osservava Tommasi – e forse la riflessione si deve indirizzare proprio sulle nostre famiglie, oltre che alle istituzioni. L’impegno di Aic in questo ambito – concludeva Tommasi – continua nella ricerca di una chiave, di un grimaldello che sia repressivo o formativo, regolamentare o mediatico ma che possa davvero far girare pagina ad un paese e ad uno sport che meritano altro tipo di visibilità”. Ma al di là delle chiacchiere, si è fatto troppp poco finora per combattere il razzismo negli stadi italiani. Non basta una multa di poche migliaia di euro ad una società per fermare i cori razzisti dei suoi tifosi! E questo è evidente a tutti.E allora i leader del calcio italiano facciano mea culpa e approfittino di questa pausa forzata dovuta all’emergenza Covid-19 per resettare le norme sul razzismo nel calcio e inasprirle consentendo una ripresa non solo in sicurezza ma anche senza il cancro del razzismo. 

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te