Se il calcio ripartirà, dovrà farlo senza il razzismo del Nord negli stadi

da | Mag 13, 2020 | Primo piano, Sport

In questi giorni si dibatte molto sul futuro del calcio italiano. La Lega Serie A è impegnata nella sfida di far ripartire il campionato e sta duettando col Governo sull’argomento ormai da settimane. Si guarda ogni minimo aspetto e appare probabile una ripresa del campionato inizialmente senza tifosi.

L’occasione è ghiotta per stabilire una volta per tutte che quando i tifosi potranno tornare allo stadio, dovranno farlo solo rispettando una serie di regole intransigenti di comportamento, com accaduto in Inghilterra quando hanno sconfitto gli hooligans istituendo delle pene severe e immediate per i violenti. In Italia il cancro degli stadi è il razzismo, come sottolineato a più riprese da Carlo Ancelotti durante la sua esperienza a Napoli. Insomma, oggi si pone grande attenzione a tutte le parti in causa, ma si sta dimenticando di resettare le norme sul razzismo. Siamo stanchi di sentire cori beceri contro Napoli o contro il colore della pelle di questo o quel calciatore. Basta razzismo. Il tifo di alcuni stadi del Nord deve cambiare la sua mentalità retrograda. Limitarsi allo sfottò calcistico. Secondo i dati dell’Aic, infatti, il Nord Italia è l’area nella quale si registra il maggior numero di casi di razzismo negli stadi o nelle zone di passaggio degli impianti sportivi (42%), ma anche propriamente sul campo da gioco (57%). A livello territoriale, Roma (14%), Milano (9%), Padova e Torino (7% ciascuna) sono le città in cui è stato registrato il maggior numero di episodi di razzismo “dentro gli stadi”.

I dati al riguardo del razzismo negli stadi italiani sono contenuti nel Report dell’Associazione italiana calciatori che a partire dalla stagione 2013/2014 ha istituito un Osservatorio con l’obiettivo di censire tutti gli atti di violenze, intimidazione e minacce compiuti nei confronti dei calciatori, sia professionisti che dilettanti. Quest’anno, nello specifico, l’Aic ha voluto dedicare un dettagliato e approfondito report centrato sugli episodi di razzismo, riguardo al quale, scriveva il presidente Tommasi nel prologo, “da tanti anni, ormai, si lanciano campagne, si propongono spot o percorsi formativi ma alla fine resta una sensazione enorme di impotenza”. “Nei campionati giovanili sono purtroppo in aumento gli episodi di discriminazione – osservava Tommasi – e forse la riflessione si deve indirizzare proprio sulle nostre famiglie, oltre che alle istituzioni. L’impegno di Aic in questo ambito – concludeva Tommasi – continua nella ricerca di una chiave, di un grimaldello che sia repressivo o formativo, regolamentare o mediatico ma che possa davvero far girare pagina ad un paese e ad uno sport che meritano altro tipo di visibilità”. Ma al di là delle chiacchiere, si è fatto troppp poco finora per combattere il razzismo negli stadi italiani. Non basta una multa di poche migliaia di euro ad una società per fermare i cori razzisti dei suoi tifosi! E questo è evidente a tutti.E allora i leader del calcio italiano facciano mea culpa e approfittino di questa pausa forzata dovuta all’emergenza Covid-19 per resettare le norme sul razzismo nel calcio e inasprirle consentendo una ripresa non solo in sicurezza ma anche senza il cancro del razzismo. 

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Gioiello della Nazionale di Mancini, il capitano azzurro ridimensionato dall'offerta di De Laurentiis Vedendo numerose gare dei gironi di qualificazione ai mondiali catarioti del 2022, la prima domanda che mi sono posto è stata: in quali condizioni fisiche e mentali...

Zona rossa? Si fa per dire

Zona rossa? Si fa per dire

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo...

I “no Vax”? Sempre di più

I “no Vax”? Sempre di più

di Cinzia Rosaria Baldi * La colpa è delle emozioni e della percezione del rischio dovuto alla profilassi La Campania lancia il passaporto vaccinale Covid-19, un segnale per trasmettere la speranza di tornare a circolare liberamente in tranquillità, ma all’iniziativa...

La scoperta del Ceinge sul Covid-19

La scoperta del Ceinge sul Covid-19

I ricercatori del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli hanno analizzato i dati genetici di oltre 1 milione e 7mila campioni di cittadini europei sani e pazienti positivi ricoverati in ospedale. È noto che i fattori di rischio per la malattia da Sars-CoV-2 sono...

Riapriamo le nostre botteghe

Riapriamo le nostre botteghe

di Gianni Lepre L'esempio di Leonardo: dalla fiction su Rai Uno la strada da seguire per fronteggiare la crisi Il Leonardo televisivo proposto in prima serata da Rai Uno ha, tra i tanti altri meriti, ricordato a milioni di spettatori la figura di un artista grande,...

In Villa spunta il Museo del mare

In Villa spunta il Museo del mare

L’ex Circolo della Stampa “rinasce” dopo 22 anni dall’abbandono. Il fabbricato fu progettato da Canino La clamorosa notizia della “cessione” della villa comunale da parte di Palazzo San Giacomo all’Istituto Anton Dohrn (Il Mattino 21/3/21) - che avrà il compito di...

Ansaldo e il mitico re degli scoop

Ansaldo e il mitico re degli scoop

Quando il direttore del Mattino chiese a Salvatore Maffei di tradurgli le parole di Truman Quando Giovanni Ansaldo arrivò al “Mattino” si capì subito che in pochi sarebbero stati ammessi alla sua corte. Il direttore ligure seguiva le vie gerarchiche (vicedirettore,...

La Regione diventa “anziana”

La Regione diventa “anziana”

L’anniversario dei 50 anni di vita in una mostra fotografica curata con l’archivio dell’Ansa La Regione Campania sta diventando ormai “anziana”, come testimonia, in occasione dei 50 anni di vita, un libro fotografico edito dall’Ansa. Quando nacque, appunto mezzo...

Piazza Dante e gli umori della città

Piazza Dante e gli umori della città

Luogo di incontri, commerci, feste e proteste. Gli imprenditori storici, presidi di civiltà Napoli città teatro,  e piazza Dante ne è uno dei più vivaci palcoscenici, “contenitore” che accoglie e rappresenta  fatti e misfatti di una intera comunità. La lucida sintesi...

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

La cattiva globalizzazione è un danno. Anche nel calcio

C’era un tempo, neanche troppo lontano, quando per 14 anni, dal 1966 al 1980, le squadre di calcio italiane non potevano piú tesserare stranieri in quanto la Federazione di calcio, in nome di un orgoglio italiano ferito, dopo i penosi mondiali del 1966, decise di...

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

In vigore da oggi il nuovo decreto di gennaio: spostamenti fra regioni vietati. Norme su palestre, musei, bar, visite in due, seconde case Entra in vigore oggi 16 gennaio 2021 il nuovo Dpcm che regola le norme anti-contagio per fronteggiare il Covid-19. Gli impianti...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te