Giustizia, ripresa al rallenty. Protestano avvocati e giudici di pace

da | Mag 12, 2020 | Primo piano

Dopo due mesi di blocco per l’emergenza Coronavirus, con l’allentamento del lockdown oggi s’è riavviata faticosamente anche la macchina giudiziaria con lunghe file, caos e disagi al Tribunale di Napoli (nella mancanza, peraltro, di adeguati dispositivi per proteggersi dal contagio). Un disordine organizzativo che secondo gli avvocati discende anche dalla mancanza,  in Italia, di indicazioni governative che valgano per tutti, per cui ogni ufficio giudiziario si regola in maniera diversa…  Oltre 150 “repubbliche autonome”. Gli uffici dei giudici di pace, per esempio, sono aperti a Verona e non a Napoli, etc etc …  Gli avvocati napoletani, presieduti da Antonio Tafuri, hanno scritto al ministro Bonafede per invitarlo a limitare queste discrezionalità. Chiedono una norma che faccia uniformare gli uffici giudiziari a regole certe e uguali  per tutti. E servono anche strumenti che assicurino ragionevoli condizioni di accesso, in sicurezza, alle strutture (come sanificazione, vigilanza,  termoscanner). Tutto ciò,  mentre si tenta di “far passare”  lo smart working  anche in ambiti dove la mancanza di un confronto dal vivo lederebbe i diritti della difesa.

Gli avvocati stigmatizzano anche la decisione del presidente della Corte di Appello di differire al 4 giugno la riapertura delle udienze davanti al giudice di pace. L’allarme è lanciato da Rossella Barone dell‘Associazione coordinamento magistratura giustizia di pace: “Già il 6 febbraio avevamo anticipato allo Stato una situazione di emergenza, anche perché moltissimi colleghi andavano alla Caserma Garibaldi per la convalida degli extracomunitari … Chiedevamo misure urgenti, presidi sanitari adeguati”. Adesso si ipotizza la ripresa il 4 giugno, come sarà? “Disastrosa. In questi due mesi”, aggiunge la Barone, “anche noi giudici di pace, insieme con i presidenti e il Consiglio dell’Ordine degli avvocati, abbiamo collaborato per preparare la ripartenza. Una ripartenza adeguata anche alla situazione dei giudici di pace. Non bisogna dimenticare che siamo magistrati privi di retribuzione, di previdenza, di assistenza, e quindi ci troviamo in una situazione assai critica”.  “Amministriamo il 65-70% del contenzioso nazionale”, conclude la Barone, “il che vuol dire che  la nostra attività  condiziona  anche quella degli studi professionali, degli avvocati. Oggi, bloccarli  – dopo che si è cercato di trovare soluzioni –  vuol dire non far ripartire questo Paese,  e soprattutto negare l’accesso alla giustizia al cittadino”.

Senza un’Avvocatura forte,  ogni diritto è debole. Dopo una intensa attività consultiva con la magistratura non si è approdati a soluzioni condivise. E adesso tutti in ordine sparso.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te