Coronavirus, l’appello di Pisani: “Più autopsie per fornire materiale alla scienza e salvare più vite”

da | Mag 11, 2020 | Cronaca

“Le istituzioni e la magistratura mettano tutti a studiare l’azione del virus e si dispongano più autopsie sui cadaveri per fornire dati e materiale di studio essenziale alla medicina ed alla scienza”. Lo dichiara l’avvocato Angelo Pisani a sostegno della ricerca di nuovi suggerimenti per la cura del Coronavirus, a partire dagli esami post mortem.

“Partendo da Napoli – aggiunge Pisani – lancio un appello anche al neo direttore, il professor Massimo Niola nuovo titolare di cattedra in sostituzione del prof Buccelli, a procedere a più autopsie per consentire veri studi sul virus mettendo a disposizione le sale mortuarie da sempre utilizzate anche autorizzando subito la ristrutturazione, così che occorrerebbero non più di 40 o 50 mila euro per un buon impianto a pressione negativa con i filtri”.
L’avvocato Pisani annuncia inoltre che si sta organizzando anche un comitato di familiari delle vittime “donatori per la ricerca“, sempre con l’intento di fare autopsie e riuscire così a salvare altre persone.

“Come generosamente si donano gli organi – spiega Pisani – anche i familiari delle vittime potrebbero aiutare la società richiedendo autopsie per studiare a fondo il percorso e lo sviluppo del virus oggi ancora ignoto nel corpo umano.
Parlo solo per esperienza professionale forense e buon senso – precisa -, certamente non sono né un medico, né un esperto nel settore, anche se ad oggi gli stessi scienziati si sono contraddetti più volte, non ho la ricetta o la verità in tasca, ma sembra ovvio che dare la possibilità a tanti medici e scienziati, non solo quelli delle tv, di studiare i cadaveri e seguire lo sviluppo nei vari organi del Covid 19 permetterebbe di capire qualcosa in più sul meccanismo di azione del virus e di conseguenza poter agire a monte bloccando la cascata che si genera in altri pazienti curati per tempo e con adeguate tecniche mediche e farmaci del caso.
Ad esempio, come già pare emergere da qualche autopsia, purtroppo fino ad oggi troppo poche visto che subito si cremano i corpi forse non più contagiosi, si può pensare che il Covid19 generi una infiammazione che coinvolga anche i vasi fino all‘induzione della coagulazione intravascolare disseminata che gli esperti definiscono Cid. Lo studio dei cadaveri potrebbe confermare tali dati e trovarne altri che permetterebbero di scoprire i farmaci giusti per bloccare l’azione del virus. E paradossalmente potrebbero essere utili anche farmaci semplici e poco costosi già ampiamente diffusi nel mondo, ma solo le evidenze, gli studi e le analisi medico legali possono dimostrarlo. Si spende tanto per l’acquisto di ventilatori e si investe per la realizzazione di nuovi reparti di terapia intensiva per la cura dei casi, ma è altrettanto importante investire nella ricerca (non solo dei vaccini per la prevenzione, ma anche della terapia) per poter evitare la sofferenza di tante persone. L’obiettivo – conclude Pisani è evitare di far ammalare ed evitare di far aggravare le condizioni cliniche dei soggetti contagiati avendo la possibilità di curare la patologia alla sua insorgenza come per le altre infezioni evitandone le gravi complicanze”.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te