Il 9 maggio si è tenuto il “Reggimento immortale” in diretta dalle città italiane. Quest’anno per la prima volta il “Reggimento immortale” ha sfilato non per le vie delle città italiane, ma on-line. La situazione attuale non ha avuto la meglio ma ha permesso di serrare i ranghi e affrontarla su un unico fronte! La Coordinatrice del Reggimento Immortale Mondiale in Italia, Dottoressa Svetlana Nesterenko da Napoli ci ha fatto viaggiare su una rete che ha visto un nuovo volto del “Reggimento immortale” un iniziativa che come sempre vede le tante adesioni delle città italiane Roma, Milano, Napoli, Catania, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine, Torino, Trieste, Venezia, Ravenna, Pordenone, Mantova tutte in marcia on-line in diretta.

L’evento si è tenuto, sabato 9 maggio 2020 dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00 (orario europeo).
Durante la diretta si sono collegati tutti i “Reggimenti immortali” delle nostre città. Sono intervenuti ospiti sia dalla Russia che dall’Italia, importanti rappresentanti di associazioni sociali, del mondo della cultura e dell’arte e tutti coloro che, sensibili a questo avvenimento, hanno ricordato i caduti, festeggiato i veterani e celebrato il giorno della Grande Vittoria! I veterani devono andare sempre a ranghi uniti in ogni tempo. Da Napoli insieme alla dottoressa Svetlana Nesterenko sono intervenuti Vincenzo Schiavo console della federazione Russa in Napoli da sempre nell’organizzazione nonché presidente provinciale di Confesercenti Napoli provincia, Avellino, Benevento e Molise.


“Questa manifestazione, assume, in tempi difficili, una rilevanza maggiore, perché pone al centro, la memoria, come pilastro fondamentale, di qualsiasi società civile” ha dichiarato il rettore dell università Federico II di Napoli Arturo De vivo.
E il sindaco di Capua arc. Luca Braco:“Da sempre la Russia ha dimostrato vicinanza, 75 anni fa, come oggi al tempo del covid19 con aiuti concreti inviando medici e presidi sanitari”.
“L’eroica resistenza Russa che creò un argine invalicabile, all’avanzata nazista nell’est Europa e la successiva controffensiva che ha portato le truppe sovietiche fino in Germania contribuendo in maniera determinante all’esito vittorioso del conflitto Onorata di porgere il saluto dalla città di Napoli Città che con orgoglio ricorda la liberazione dalle 4 giornate” ha affermato l’assessora alla cultura e al turismo del comune di Napoli Eleonora de Majo.

Le istituzioni sopra citate sono tutte state protagoniste del primo festival della cultura Russa in Napoli che causa covid19 è stato posticipato in autunno. Importante contributo di Anna Capasso, cantante e attrice con anni di grandi successi alle spalle che ha emozionato tutti con un canto che unisce tutto il mondo… perché sì… una mattina, in tanti si sono svegliati con un invasore Bella ciao, un canto che unisce, oggi più di prima, u’intepretazione unica fatta in rete,

È inoltre intervenuta Rosa Praticò presidente di officina delle idee, vicepresidente nazionale dell associazione maipiuviolenzainfinita e responsabile delle donne che fanno impresa di Confesercenti Napoli provincia Avellino e Benevento: “Sono onorata di aver partecipato all’iniziativa, ringrazio la coordinatrice Svetlana Nesterenko e ricordo il dolore che ci accomuna, nella perdita di tanti uomini e donne, caduti per un principio di libertà”.

La comunicazione è stata egregiamente coordinata, dal dottor Antonio Grilletto.