Ristorazione, Confcommercio Napoli: “Serve protocollo condiviso altrimenti nessuno riaprirà”

da | Mag 8, 2020 | Cronaca

“Dopo l’utile incontro di ieri sui protocollo di sicurezza chiediamo al presidente De Luca, di cui abbiamo apprezzato la disponibilità e il buon senso, di accogliere le nostre indicazioni per semplificare e rendere effettivamente praticabili le procedure che abbiamo realizzato in un protocollo nazionale di Confcommercio realizzato insieme a un virologo dello Spallanzani di Roma”, lo ha scritto oggi in una nota alla task force Covid 19 il presidente di Fipe Confcommercio Massimo Di Porzio sottolineando che le aziende campane di questo settore rappresentano, con il proprio indotto di filiera, quasi il 50 percento del Pil della Regione.

“Data per scontata la stima e il rispetto per le eccellenze del territorio campano, esprimiamo il totale dissenso dal piano e dal prospetto di protocollo presentato dallo chef Gennaro Esposito e dal suo gruppo, in quanto in assoluta controtendenza rispetto alla necessità di semplificazione che da più parti si è evidenziata. Noi rappresentiamo tante piccole realtà che non riuscirebbero mai ad adeguarsi alle prescrizioni di quel documento, quindi ci dissociamo e lo contestiamo in toto, di concerto con le altre associazioni che vi scriveranno in queste ore”, prosegue Di Porzio che ha così sintetizzato il piano di sicurezza: distanziamento sociale di un metro, anche dei tavoli e laddove (come per esempio tra chef o pizzaioli, o tra personale di sala e clienti) non è possibile utilizzo di mascherine. Le persone che arrivano insieme o prenotano un tavolo, saranno accomodate allo stesso tavolo, senza necessità di alcuna indagine da parte dell’esercente; controllo delle temperature del personale addetto all’ingresso e procedure per la gestione di eventuali ‘non conformità’; utilizzo dei guanti laddove necessario (non per il personale i cucina, che anzi deve sanificare più spesso possibile le stesse), soprattutto per le consegne a domicilio o in fase di ricezione della merce; attività di disinfezione giornaliera da effettuare a cura dell’azienda, registrata su apposite schede del registro di autocontrollo; gestione degli approvvigionamenti tale da evitare l’assembramento dei fornitori alla stessa ora.

Si tratta di un piano equilibrato che consentirebbe a tutti di riaprire in sicurezza evitando inutili ulteriori aggravi burocratici che danneggiano il settore. Confidiamo nel buon senso sin qui dimostrato dal presidente De Luca affinché ci convochi al più presto per la definizione del protocollo”, ha concluso Massimo di Porzio, presidente Fipe Confcommercio Campania.

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Finanza sostenibile, la sfida di Trieste

Trieste, attraverso un'Associazione che raggruppa alcuni fra i più importanti gruppi imprenditoriali cittadini e del Nord-Est si prepara a lanciare una sfida europea sul tema della finanza sostenibile. I contenuti del progetto, che ha il sostegno di aziende ma anche...

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Vomero, ruba in un negozio di abbigliamento: arrestata

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Alessandro Scarlatti, sono stati avvicinati da un addetto alla vigilanza di un negozio di abbigliamento il quale ha raccontato che, poco prima,...

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Disabilità, la sala blu di Napoli Centrale compie dieci anni

Dieci anni trascorsi mettendo al centro le storie, i volti, le esperienze e i bisogni delle persone a ridotta mobilità e con disabilità. L'impegno del Gruppo FS su questo fronte si è concretizzato anche grazie alle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, un servizio di...

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Napoli, rimossi 65 paletti abusivi

Agenti della polizia locale dell’unità di San Lorenzo, coadiuvati dagli operai della Napoli Servizi, sono intervenuti in vico grotta della Marra, a due passi dalla Curia di Napoli, rimuovendo 65 paletti installati abusivamente da ignoti sul suolo pubblico. “Il nostro...

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

“Reggimento Immortale” in Italia, domani la marcia on line

Nelle difficili condizioni della Pandemia Globale, la processione "Reggimento Immortale" in Italia è stata organizzata in un formato online. I coordinatori dei Reggimenti Immortali delle 16 città italiane di Roma, Milano, Napoli, Bari, Genova, Verona, Bologna, Udine,...

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te