test sierologico
Tempo di lettura: < 1 minuto

Positivi al Coronavirus? La risposta arriva in massimo sei minuti! È quanto promette l’azienda Sanitaria Territoriale dei Sette Laghi, in collaborazione con l’Università dell’Insubria di Varese che ha realizzato un test rapido salivare in grado di rilevare il Covid in pochi minuti. Il test è stato ideato da una squadra composta dal rettore dell’università Angelo Tagliabue, professore di Odontostomatologia, Paolo Grossi, infettivologo referente regionale e ministeriale per l’emergenza Covid-19, su input del ricercatore di Odontoiatria Lorenzo Azzi e del professor Mauro Fasano, esperto in Biochimica. La fase realizzativa dei kit che saranno messi in commercio a un costo non superiore ai 20 euro, è avvenuta nei laboratori dell’Insubria a Busto Arsizio (Varese) ed è stata coordinata dalla ricercatrice Tiziana Alberio. e proprio kit.

Come funziona

In pratica la saliva viene adagiata su una striscia di carta assorbente e diluita con un’apposita soluzione: se compare una banda, il soggetto è negativo, se le bande che compaiono sono due è positivo. Proprio come un test di gravidanza.

“Il Trs consente di fare uno screening immediato di primo livello della popolazione – spiega Azzi. –  Lo scopo è identificare i soggetti positivi, soprattutto gli asintomatici”. Secondo la nota dell’Università dell’Insubria e dell’Asst dei Sette Laghi, sarà in grado infatti di diagnosticare la positività anche su soggetti asintomatici, peculiarità importante alla luce della progressiva riapertura delle attività produttiva.