Anche al Cotugno sarà usato il plasma. È la terapia suggerita da Tarro

da | Mag 6, 2020 | Cronaca, Primo piano

Il suo suggerimento, almeno un mese fa, era stato accolto quasi con fastidio dal mondo scientifico che oggi va per la maggiore, composto da tutti quegli scienziati che compaiono in televisione e molti dei quali sono incorsi in infortuni clamorosi sia sul pronosticare il mancato arrivo del virus in Italia sia sull’uso delle mascherine, che a dire di qualcuno di loro, sarebbe stato inutile per gli individui sani.
Ora che la terapia a base del plasma dei guariti ha dato i suoi buoni frutti a Pavia e Mantova ecco che la sperimentazione arriva anche a Napoli, al Cotugno. Entro questa settimana sarà avviato l’utilizzo sperimentale del siero con gli anticorpi estratto da pazienti guariti dal Covid.

Tarro era stato chiaro: non si può attendere il vaccino: “Ci vogliono centinaia di milioni nella ricerca di questo vaccino. Occorre un reparto apposito per individuarlo. Trattandosi di un virus nuovo, bisogna fare ricerche approfondite, individuare i reagenti giusti e svolgere tutte le sperimentazioni cliniche previste prima di arrivare a testarlo sull’uomo. E questo perché un vaccino deve non solo essere efficace, ma soprattutto non deve mostrarsi tossico per l’organismo umano. Per preparare un vaccino efficace ci vogliono non meno di due anni”.

E di qui il suggerimento di ricorrere alla sieroterapia: “La sieroterapia ha un difetto: non costa assolutamente nulla. Si tratta di una terapia legata al contenuto liquido del sangue del paziente guarito e costa addirittura meno di una trasfusione, in quanto non si ha nemmeno il problema di compatibilità dei gruppi sanguigni. E per di più non ha effetti collaterali. L’unico difetto che ha è, come dicevo, che non costa nulla. Forse è questo il vero problema. Io ho parlato con chi di dovere a Mantova, dove la sieroterapia si sta praticando, e non si registrano morti da più di un mese. Questi sono fatti, non parole od opinioni riportate a caso”.

E a chi gli obiettava che forse non vi sarebbe stato un numero sufficiente di donatori Tarro replicava: “Certo che li abbiamo. Anzi, aggiungerei che un paziente guarito in dimissione dall’ospedale non può uscire senza aver donato un litro di sangue dal quale si ricava il plasma che è, praticamente, il 50% al netto dei globuli rossi. Sa perché dico questo? Perché secondo gli studi cinesi, è dimostrato che bastano 200ml di plasma per guarire in 48 ore anche i casi più gravi. Quindi la donazione di un paziente cura due casi gravi di Sars CoV2. Ovviamente la sieroterapia si può praticare anche per i pazienti cosiddetti intermediari, che hanno cioè un andamento della malattia non grave da terapia intensiva, ma abbastanza pesante”.

Parole che alla luce dei risultati di questi giorni appaiono profetiche.

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Gioiello della Nazionale di Mancini, il capitano azzurro ridimensionato dall'offerta di De Laurentiis Vedendo numerose gare dei gironi di qualificazione ai mondiali catarioti del 2022, la prima domanda che mi sono posto è stata: in quali condizioni fisiche e mentali...

Zona rossa? Si fa per dire

Zona rossa? Si fa per dire

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te