Anche al Cotugno sarà usato il plasma. È la terapia suggerita da Tarro

da | Mag 6, 2020 | Cronaca, Primo piano

Il suo suggerimento, almeno un mese fa, era stato accolto quasi con fastidio dal mondo scientifico che oggi va per la maggiore, composto da tutti quegli scienziati che compaiono in televisione e molti dei quali sono incorsi in infortuni clamorosi sia sul pronosticare il mancato arrivo del virus in Italia sia sull’uso delle mascherine, che a dire di qualcuno di loro, sarebbe stato inutile per gli individui sani.
Ora che la terapia a base del plasma dei guariti ha dato i suoi buoni frutti a Pavia e Mantova ecco che la sperimentazione arriva anche a Napoli, al Cotugno. Entro questa settimana sarà avviato l’utilizzo sperimentale del siero con gli anticorpi estratto da pazienti guariti dal Covid.

Tarro era stato chiaro: non si può attendere il vaccino: “Ci vogliono centinaia di milioni nella ricerca di questo vaccino. Occorre un reparto apposito per individuarlo. Trattandosi di un virus nuovo, bisogna fare ricerche approfondite, individuare i reagenti giusti e svolgere tutte le sperimentazioni cliniche previste prima di arrivare a testarlo sull’uomo. E questo perché un vaccino deve non solo essere efficace, ma soprattutto non deve mostrarsi tossico per l’organismo umano. Per preparare un vaccino efficace ci vogliono non meno di due anni”.

E di qui il suggerimento di ricorrere alla sieroterapia: “La sieroterapia ha un difetto: non costa assolutamente nulla. Si tratta di una terapia legata al contenuto liquido del sangue del paziente guarito e costa addirittura meno di una trasfusione, in quanto non si ha nemmeno il problema di compatibilità dei gruppi sanguigni. E per di più non ha effetti collaterali. L’unico difetto che ha è, come dicevo, che non costa nulla. Forse è questo il vero problema. Io ho parlato con chi di dovere a Mantova, dove la sieroterapia si sta praticando, e non si registrano morti da più di un mese. Questi sono fatti, non parole od opinioni riportate a caso”.

E a chi gli obiettava che forse non vi sarebbe stato un numero sufficiente di donatori Tarro replicava: “Certo che li abbiamo. Anzi, aggiungerei che un paziente guarito in dimissione dall’ospedale non può uscire senza aver donato un litro di sangue dal quale si ricava il plasma che è, praticamente, il 50% al netto dei globuli rossi. Sa perché dico questo? Perché secondo gli studi cinesi, è dimostrato che bastano 200ml di plasma per guarire in 48 ore anche i casi più gravi. Quindi la donazione di un paziente cura due casi gravi di Sars CoV2. Ovviamente la sieroterapia si può praticare anche per i pazienti cosiddetti intermediari, che hanno cioè un andamento della malattia non grave da terapia intensiva, ma abbastanza pesante”.

Parole che alla luce dei risultati di questi giorni appaiono profetiche.

Vomero, fermato un presunto rapinatore

Vomero, fermato un presunto rapinatore

Lo scorso 22 novembre in via Pigna un uomo con volto coperto da un casco era entrato in un supermercato e, simulando di essere armato, aveva minacciato la cassiera facendosi consegnare 750 euro per poi fuggire a bordo di un motoveicolo. Martedì scorso i Falchi della...

Movida a Napoli, la Polizia municipale intensifica i controlli

Movida a Napoli, la Polizia municipale intensifica i controlli

La Polizia Locale ha  intensificato le attività di controllo delle norme che regolano la “movida” cittadina accertando violazioni al Codice della Strada e al rispetto delle misure di prevenzione sanitarie. Dal Lungomare alle aree di Chiaia, dal Centro Storico  al...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

Stadio Maradona, oggi l’inaugurazione della statua per Diego

Stadio Maradona, oggi l’inaugurazione della statua per Diego

Un dono alla città di Napoli e al suo campione più amato: è così che il Comune di Napoli ricorderà oggi, giovedì 25 novembre alle ore 13.30 Diego Armando ad un anno dalla sua scomparsa. Nel piazzale antistante i varchi d'ingresso del settore Distinti dello stadio a...

Premio Filangieri, ecco i vincitori della terza edizione

Premio Filangieri, ecco i vincitori della terza edizione

Premiati i vincitori della terza edizione del Premio nazionale di poesia e fotografia Cesare Filangieri (intitolato al padre del famoso giurista del Settecento) promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e Sant’Antonio” con il patrocinio dei Comuni di Napoli e di...

Porto di Napoli, sequestrate 1900 biciclette contraffatte

Porto di Napoli, sequestrate 1900 biciclette contraffatte

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e l'Agenzia delle Dogane di Napoli hanno individuato, all’interno del porto, nel contesto delle attività congiunte di analisi di rischio in ambito doganale, oltre 1900 biciclette con componenti di un noto gruppo...

Campania, nuova allerta meteo da mezzanotte

Campania, nuova allerta meteo da mezzanotte

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalla mezzanotte fino alle 23.59 di domani, lunedì 22 novembre, su tutto il territorio regionale, ad esclusione delle zone 4 e 7 (Alta Irpinia e Sannio;...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te