Il virologo Tarro sotto attacco ma per lui parlano i fatti

da | Apr 30, 2020 | Cronaca, Salute


Non si placano le polemiche e proseguono i commenti volti a screditare un professionista serio che ha salvato e guarito tante persone.Nell’ultimo periodo ha fatto discutere molto lo scontro verbale tra alcuni esponenti della comunità scientifica e Giulio Tarro. Quest’ultimo è diventato famoso ai tempi del colera a Napoli ed è tornato alla ribalta di recente per alcune dichiarazioni in controtendenza rispetto ai virologi protagonisti dell’emergenza sanitaria causata dal Covid 19. “Tra due mesi il Coronavirus ci abbandonerà, come tutti i corona influenzali”.Aveva affermato il primario emerito dell’ospedale Cotugno di Napoli scatenando forti polemiche. Il virologo spiegava, inoltre, che “Con l’estate avremo abbastanza immunizzati e non ci sarà motivo per stare ulteriormente agli arresti domiciliari”.

Tuttavia, prima di criticare un professionista del suo calibro, bisognerebbe conoscere la sua storia, i successi che ha ottenuto  e le testimonianze delle persone che lo ringraziano per il suo operato.Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti ci sono il Premio Internazionale Lenghi dell’Accademia dei Lincei, per studi di virologia del 1969, ilPremio della Cultura della Presidenza del Consiglio del 1985, il Premio alla carriera “per lo straordinario contributo nei campi della medicina e della ricerca biomedica” e, ancora, il Premio Sbarro Health Research Organization of Filadelfia del 2010 o il Global Education Award al Festival Mondiale di Creatività nella Scuola, conferitogli a Sanremo nel 2011 e i successivi Premio “Musa Uranio”, XLVII Premio Internazionale “Le Muse”, ricevuti a Firenze nel 2012 e il Premio internazionale dell’Istituto Nazionale della Legione d’Onore dei Cavalieri di Vittorio Veneto del 2013.A questi premi vanno aggiunte medaglie e riconoscimenti come la Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell’arte, nastrino per uniforme ordinaria, la Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell’arte, 14 giugno 1975, Commendatore della Repubblica Italiana – nastrino per uniforme ordinaria Commendatore della Repubblica Italiana 22 aprile 1991, la Medaglia d’oro al merito della sanità pubblica – nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d’oro al merito della sanità pubblica— 3 agosto 1999Grande Ufficiale della Repubblica Italiana – nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale della Repubblica Italiana— 14 ottobre 1999, Carlo Azeglio Ciampiimmagine del nastrino non ancora presenteCavaliere di Gran Croce dell’Ordine Imperiale dei Černetić del Montenegro — Belgrado, 08 giugno 2013. Ma ciò che più contano sono le testimonianze di pazienti che gli sono grati per avergli salvato la vita quando altri dottori li davano per spacciati.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te