Riparte il delivery in Campania, i Fr.lli Salvo: “Ribadiamo che non è la soluzione, specie con limitazioni oltremodo stringenti: non riapriamo le nostre pizzerie”

da | Apr 26, 2020 | Cucina

Eravamo contrari al delivery ben prima che fosse firmata la delibera regionale in Campania e ora che abbiamo letto il testo lo siamo ancora di più”: a dirlo sono i fratelli Francesco e Salvatore Salvo, delle omonime pizzerie a San Giorgio a Cremano e a Riviera di Chiaia.

A tre giorni dall’entrata vigore delle disposizioni che in tempo di Covid19 permetteranno da Lunedì 27 aprile di poter effettuare consegna a domicilio, i due imprenditori storici della ristorazione fanno sapere che, come era prevedibile, non aderiranno e dunque resteranno ancora chiusi: “Le modalità con cui è stata regolamentata la consegna a domicilio e gli orari solo pomeridiani, sino alle ore 22.00, non ci consentirebbe di lavorare in tranquillità e inoltre le direttive di sicurezza oltremodo restrittive pongono molti limiti e ci chiediamo se ad esempio nei supermarket, che sono molto frequentati, vengano rispettate tutte queste norme, di controllo e sanificazione costante, come richiesto a  noi per il delivery. Il Governatore Vincenzo De Luca ha però annunciato nuove modifiche: staremo a vedere”. Dal punto di vista economico, poi, la consegna a casa non è di certo la soluzione, anzi: “Una lotta andava fatta per chiedere a gran voce l’applicazione degli armonizzatori sociali già emanati a sostegno della nostra forza lavoro e di tutte le misure necessarie al sostegno di attività come le nostre. Per noi è fondamentale la riapertura e soprattutto è fondamentale che sul tavolo del Governo arrivino le problematiche legate all’ambito economico”, sottolineano i Salvo, che scorso 17 Aprile assieme agli altri Ambasciatori del Gusto, hanno partecipato al webinair con il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta: “Al sottosegretario abbiamo sottoposto varie questioni, dalla CIG all’entità esigua dei prestiti previsti dallo Stato per il settore e alle modalità di restituzione, strappando promesse di ascolto costante e soprattutto di intervento concrete. Ora auspichiamo che tutti gli operatori del nostro settore abbiano finalmente capito che la priorità è lottare insieme per il rispetto dei nostri diritti e per evitare che la Fase 2 veda le nostre attività compresse da limitazioni stringenti che condannerebbero a morte il comparto”.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te