Scamardella ricorda Masullo: “Napoli orfana della sua saggezza e della sua autorità morale”

da | Apr 25, 2020 | Cultura&Spettacolo

“L’ultima volta che l’ho incontrato, nel gennaio scorso a casa sua, era seduto alla stessa scrivania dove, oltre dieci anni fa, registravamo domande e risposte per il libro intervista “Napoli siccome immobile”. Ricordammo il pranzo al Borgo Marinari durante il quale nacque l’idea di pubblicare il libro, dopo il successo del “Manifesto per salvare Napoli” lanciato con Il Mattino negli anni della della crisi dei rifiuti. Sentiva – e si vedevano – gli anni passati nelle gambe e nel fisico, sempre più minuto e minato, ma non nella mente, ancora tra le più lucide e attrezzate del nostro paese, oltre che tra le più pulite. Parlammo a lungo. E di tutto. Della democrazia in affanno, dell’improvvisazione al potere, dell’intellettualità e della borghesia napoletane, dei mali e delle colpe del Sud. Gli mancava scrivere, disse che riusciva a concentrarsi poco, anche se confessò l’idea di volere riprendere e concludere una riflessione bruscamente interrotta per i malanni fisici. Capii che non ci sarebbe riuscito, dai nostri sguardi si intuiva che sarebbe stata una delle ultime volte che ci saremmo visti. Anche se ci lasciammo con la promessa che, appena guarito, sarei andato a prenderlo in macchina e portarlo nel Salento per un weekend”.

Claudio Scamardella, giornalista napoletano formatosi al Mattino ed ora direttore del Quotidiano della Puglia, così ricorda Aldo Masullo, con il quale, come riferisce appunto in questa intervista, dieci anni fa scrisse, sotto forma di intervista, un vero e proprio best seller su Napoli, sui suoi problemi, sui suoi mali, sulle sue speranze. Fu un successo.

Scamardella così analizza la figura di Masullo: “Al di là delle sue profonde speculazioni filosofiche e dei suoi studi, Masullo era da molti anni diventato una sorta di “saggio” sulle vicende della nostra città e dell’intero Paese. Ma con una forte ed evidente diversità: uomo d’altri tempi, interprete di un codice morale antico, non è mai diventato prigioniero della sua epoca pur avendo raggiunto quell’età in cui si è portati, naturalmente, a vivere di ricordi e nostalgie, a proiettare lo sguardo all’indietro piuttosto che verso il futuro, a perdere il gusto della sfida e del rischio”

E poi si sofferma a chiarire il segreto della grande saggezza del filosofo deceduto: “Si dice che il tempo del “saggio” sia il passato perché, a cominciare da una certa età, i ricordi – e con essi i rimpianti e i rimorsi – diventano più forti delle speranze. Forse è vero, ma il segreto di Masullo è stato l’opposto: il suo tempo non è mai stato il passato. Per questo la sua voce è rimasta tra le più ascoltate e rispettate a Napoli e non solo a Napoli. Una sorta di autorità morale, distaccata ormai dai giochi di potere e dalle cose inquinate della vita. Capace di leggere e interpretare la realtà dall’alto della sua esperienza o dei suoi studi. Di indicare i pericoli e di consigliare le scelte giuste. Di raccontare gli errori del passato e di scorgere le opportunità del futuro. Di cercare risposte oltre il dilagante e banale conformismo imposto dai modi e dai tempi del circuito mass-mediatico. Esempio raro a Napoli di uomo di cultura che ha visto d’accordo nel giudizio intellettuali (definizione che egli ha sempre detestato) e gente comune, borghesi e operai, destra e sinistra, giornalisti e lettori. Perché ha avuto il merito, da tutti riconosciuto, di non aver ceduto mai alle lusinghe del potere e dei potenti, a differenza di buona parte dell’intellettualità napoletana”.

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te