Scamardella ricorda Masullo: “Napoli orfana della sua saggezza e della sua autorità morale”

da | Apr 25, 2020 | Cultura&Spettacolo

“L’ultima volta che l’ho incontrato, nel gennaio scorso a casa sua, era seduto alla stessa scrivania dove, oltre dieci anni fa, registravamo domande e risposte per il libro intervista “Napoli siccome immobile”. Ricordammo il pranzo al Borgo Marinari durante il quale nacque l’idea di pubblicare il libro, dopo il successo del “Manifesto per salvare Napoli” lanciato con Il Mattino negli anni della della crisi dei rifiuti. Sentiva – e si vedevano – gli anni passati nelle gambe e nel fisico, sempre più minuto e minato, ma non nella mente, ancora tra le più lucide e attrezzate del nostro paese, oltre che tra le più pulite. Parlammo a lungo. E di tutto. Della democrazia in affanno, dell’improvvisazione al potere, dell’intellettualità e della borghesia napoletane, dei mali e delle colpe del Sud. Gli mancava scrivere, disse che riusciva a concentrarsi poco, anche se confessò l’idea di volere riprendere e concludere una riflessione bruscamente interrotta per i malanni fisici. Capii che non ci sarebbe riuscito, dai nostri sguardi si intuiva che sarebbe stata una delle ultime volte che ci saremmo visti. Anche se ci lasciammo con la promessa che, appena guarito, sarei andato a prenderlo in macchina e portarlo nel Salento per un weekend”.

Claudio Scamardella, giornalista napoletano formatosi al Mattino ed ora direttore del Quotidiano della Puglia, così ricorda Aldo Masullo, con il quale, come riferisce appunto in questa intervista, dieci anni fa scrisse, sotto forma di intervista, un vero e proprio best seller su Napoli, sui suoi problemi, sui suoi mali, sulle sue speranze. Fu un successo.

Scamardella così analizza la figura di Masullo: “Al di là delle sue profonde speculazioni filosofiche e dei suoi studi, Masullo era da molti anni diventato una sorta di “saggio” sulle vicende della nostra città e dell’intero Paese. Ma con una forte ed evidente diversità: uomo d’altri tempi, interprete di un codice morale antico, non è mai diventato prigioniero della sua epoca pur avendo raggiunto quell’età in cui si è portati, naturalmente, a vivere di ricordi e nostalgie, a proiettare lo sguardo all’indietro piuttosto che verso il futuro, a perdere il gusto della sfida e del rischio”

E poi si sofferma a chiarire il segreto della grande saggezza del filosofo deceduto: “Si dice che il tempo del “saggio” sia il passato perché, a cominciare da una certa età, i ricordi – e con essi i rimpianti e i rimorsi – diventano più forti delle speranze. Forse è vero, ma il segreto di Masullo è stato l’opposto: il suo tempo non è mai stato il passato. Per questo la sua voce è rimasta tra le più ascoltate e rispettate a Napoli e non solo a Napoli. Una sorta di autorità morale, distaccata ormai dai giochi di potere e dalle cose inquinate della vita. Capace di leggere e interpretare la realtà dall’alto della sua esperienza o dei suoi studi. Di indicare i pericoli e di consigliare le scelte giuste. Di raccontare gli errori del passato e di scorgere le opportunità del futuro. Di cercare risposte oltre il dilagante e banale conformismo imposto dai modi e dai tempi del circuito mass-mediatico. Esempio raro a Napoli di uomo di cultura che ha visto d’accordo nel giudizio intellettuali (definizione che egli ha sempre detestato) e gente comune, borghesi e operai, destra e sinistra, giornalisti e lettori. Perché ha avuto il merito, da tutti riconosciuto, di non aver ceduto mai alle lusinghe del potere e dei potenti, a differenza di buona parte dell’intellettualità napoletana”.

“Maradò”, le voci del popolo

“Maradò”, le voci del popolo

Nel libro di Anna Copertino, l’universo napoletano del Dios Che cosa non si è scritto e detto di Maradona che ormai non si sappia? Artisti, grandi firme, uomini di cultura e registi ne hanno la grandezza, miseria e nobiltà ma ognuno con la propria idea e l’immagine ed...

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Un evento di un’intera giornata dedicato alla cultura. A Procida” l’isola che non si isola” e che quest’anno sta celebrando il suo essere capitale della cultura l’appuntamento è fissato per domenica 29 maggio. Un evento che si snoderà in tre momenti, tutti idealmente...

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Le domeniche dal 1° maggio al 5 giugno si terranno cinque concerti di musica dal vivo nei luoghi incantevoli della Campania Napoli – Ercolano – Vico Equense – Sorrento – Ravello. Il Chitarrista Max Puglia (Hermanos, Ruggiero, Buonocore, Gragnaniello, Fò, Hernadez,...

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

L’associazione culturale organizza e promuove anche iniziative sociali a favore dei bisognosi L’associazione culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, ispirata sempre ai principi e finalità...

A tu per tu con Maria Cuono

A tu per tu con Maria Cuono

L’intervista di Noi per Napoli alla scrittrice, giornalista e docente cilentana: una vita per il teatro A tu per tu con Maria Cuono, docente, giornalista e valente scrittrice cilentana. Le abbiamo rivolto qualche domanda per farla parlare di sé, della sua arte e per...

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

In libreria entro fine primavera il secondo giallo del giornalista Giovanni Taranto Torna il Capitano Giulio Mariani: entro fine primavera la seconda inchiesta del detective dell’Arma protagonista ci dei gialli del giornalista Giovanni Taranto sarà sugli scaffali di...

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Oggi, lunedì 28 febbraio e martedì 1 marzo alle ore 15 e 17 e domani, domenica 27 febbraio, alle ore 10, 12, 15, 17 va in scena l’insolita esperienza di fruizione museale, ideata e realizzata da Le Nuvole con Casa del Contemporaneo e la collaborazione della direzione...

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te