Aùrie p’ ’o primmo anneverzario ’e ’sta sperienzia!

da | Apr 22, 2020 | Cultura&Spettacolo

È ppassato justo n’anno ’a quanno accumminciaje l’avventura ’e ll’articule c’aggio scritto napulitanamente pe nnu ggiurnale curaggiuso che nu’ ppe nniente se chiamma ‘napoli’. So’ ccuntento, però me pare ca nun abbasta appiccià na canneluccia ’ncopp’â torta pe ffa’ festa. Doppo n’anno vale ’a pena ’e raggiunà ’ncopp’â ’sta bella sperienzia, pe ccapì si quaccosa sta cagnanno overamente.  ’A primma cosa è c’ ’a ggente nun se fanno cchiù maraveglia liggenno n’articulo ’e giurnale scritto ’nNapulitano, pure si rummane na cosa nu pucurillo strevuza e rrecenale. Pe vvia ca nun ce sta abbitudene a lleggere na lengua quase sulo parlata, ’nfatte, pure Napulitane verace fanno ancora fatica quanno stanno annante a nna paggena sana scritta napulitanamente.

Sarrà ppe nnu prubblema ortografico, datosi che nisciuno l’ave ancora ’mparato buono ’e rreole pe scrivere senza sgarrà. Sarrà ppecché ’e ppoche cose scritte che sse vedono tuorno tuorno (cartielle, puisie, canzone, frase liggiute ’ncopp’â internét o pittate ’ncopp’ê mure) fanno adderezzà ’e capille. Sarrà ppure pecché nu cuofeno ’e parole napulitane stanno ggià scumparenno, rimpiazzate ’a nu slang ‘napulese’ nu poco vastardo… Fatt’è ca lleggere nu testo napulitano pe quaccheduno nunn è ppropeto facele facele.  ’O guajo è ca meno se fa na cosa e mmeno se sape fa’. Sulo nu paro d’editore ’e giurnale hanno tenuto ’o curaggio ’e pubbrecà articule napulitane, pe ppruvà a mmenà ’nterra ’o muro ’e l’autocensura ’e chi se mette scuorno stesso d’ ’a lengua soja.

E accussì,chianu chiano, forze quaccosa sta ccagnanno, pure si nu’ mmancano maje chille c’arricciano ’o nasillo pecché lle pare na cosa pruvinciale, o pure che se penzano ca ’o Nnapulitano ha dda rummané nu dialetto sulo parlato o, casummaje, na materia ’e studio pe ll’accademmie, manco si fosse na lengua antica, comm’ ’o llatino o ’o ssanscrito… Embé, mo ca chillu muro è stato sfravecato, me pare necessario ’e ji’ annanze,  cercanno ’e ffa’ ate sperienzie ’e scrittura che – cu tutt’ ’o rispetto – nun songo però sulo puisìe, canzunette o bbattute pe ffa ridere â ggente int’a ccinema e ttriate. S’ha dda pruvà a scrivere napulitanamente pure quanno se parla ’e cronaca, ’e scienza, ’e pulitica, accussì se fernesce ’e trattà ’o Nnapulitano comme lengua vascia, na parlata ’e serie B che sserve sulamente pe ppazzià o pe ’ntennerì.

Io aggio pruvato a ffa’ ’a parta mia e, int’a n’anno, aggio scritto ’ncopp’ê fatte che succedeno tutt’ ’e juorne, specialmente a Nnapule, ma aggio parlato pure ’e nu cuofeno d’argumiente, che vvanno d’ ’a partecipazzione puliteca ê prubbleme ambientale, d’ ’a necessità ’e na scutuliata meridionalista ê quistione d’ ’o militarisemo e d’ ’a guerra. Aggio scritto ’e quanto po’ essere attuale ’o penziero ’e Filangieri ma pure d’ ’a fatica che nun ce sta, d’ ’e traspuorte pubbrece, ’e na bbona alimentazzione, d’ ’a sanità, d’ ’e museje, ’e parche cetatine e ccemeterie, d’ ’e ffeste e ttradezziune napulitane e pperzì d’ ’o coronavirusse…  Embé, nu bello ventaglio ’e prubbleme, justo p’addimustrà ca c’ ’o Nnapulitano putimmo parlà e scrivere ’e tutte cose, sapenno pure ca stammo ausanno na lengua nobbele, che ttene secule e ssecule ’e storia e se po’ avantà ’e na letteratura che pparte d’ ’0 XIII seculo p’arrivà ’nfin’a mmo.

Pe cchesto, ce avimm’ ’a sta’ attiente ca nu munno sano e na cultura unneca nu’ ffernesceno sparafunnate e ssubbissate ’a na globbalizzazione catammara, che vva scancellanno ’e ddevierzetà pusetive d’ ’e cculture, pe ttramente ca sta aggravanno ancora ’e cchiù ’e ddifferenze socio-econommeche. Pirciò âmm’ ’a fa’ festa si ’sta sperienzia c’ ’o ggiurnale ‘napoli’, doppo n’anno sano, è sservuta a scetà – pure nu pucurillo – ’a cuscienzia ca è overo ca Napulitane verace se nasce, però s’ha dda pure addeventà. Aùrie!

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te