Coronavirus, in Olanda uno smart lockdown e aiuti a imprese e professionisti

da | Apr 21, 2020 | Cronaca


Oggi torniamo in Europa per farci raccontare, da una napoletana, la situazione in Olanda. Ce ne parla Sara, che lavora da tre anni a Rotterdam nel settore del trasporto merci e della logistica per una compagnia di shipping  

Da quanto tempo non torna a Napoli? 
Dalle festività natalizie, circa quattro mesi.

Prima dell’emergenza sanitaria tornava spesso?
Generalmente torno a Napoli in media ogni tre mesi. Avevo precedentemente programmato un weekend per trascorrere la Pasqua in famiglia, ovviamente non è stato possibile. Anche per la primavera avrei programmato qualche breve periodo da passare a Napoli ma al momento non ci sono notizie certe su quando sarà possibile spostarsi in sicurezza. 

Può raccontare brevemente la situazione nel paese in cui vive?
La compagnia per cui lavoro ha da subito seguito le istruzioni del Governo olandese che invitavano a utilizzare sistemi di lavoro da remoto, il cosiddetto home working, in tutti i casi applicabili e si procederà così fino almeno al 28 aprile. Anche qui scuole, pub e luoghi di ricezione sono chiusi e tutti i concerti le feste e i festival sono annullati fino al 1° giugno. Tuttavia negozi e aziende rimangono aperti ed è consentito spostarsi anche senza giustificata causa, ma sempre rispettando le norme per evitare gli assembramenti (non oltre tre persone) e le distanze individuali (minimo 1,5 metri). È stato soprannominato “smart lockdown”.

La percezione dell’emergenza è stata, quindi, diversa in Olanda rispetto all’Italia?
Queste misure si sono concretizzate dopo un iniziale scetticismo del governo olandese che, come quello britannico, auspicava l’immunità di gregge. Ad oggi, chi ha sintomi viene tenuto a casa il più possibile e i ricoveri avvengono solo nei casi più gravi, per evitare di far ulteriormente pressione su un sistema sanitario già affaticato. Se le misure restrittive hanno tardato ad arrivare, (lockdown circa due settimane dopo quello annunciato dall’Italia) lo stesso non si è verificato per quelle economiche. Già il 17 marzo il governo olandese ha preso misure per circa 20 miliardi di euro per sostenere i lavoratori autonomi e le imprese tramite regimi fiscali agevolati e agevolazioni creditizie. Si dovrebbe tradurre per imprese e partite IVA in una copertura di circa il 90% delle spese.

Come vede da lì l’emergenza in Italia e a Napoli in particolare? 
La situazione si è trasformata drammaticamente e velocemente da seria a grave, anche se al Sud meno che al Nord. Non bisogna però abbassare la guardia dal momento che non godiamo a Napoli delle stesse strutture e strumenti che sono più accessibili nelle regioni del Nord e che affronteremmo una simile ondata in maniera ancora più difficile. Da sempre ci contraddistinguono valori di solidarietà e abbiamo diverse eccellenze. Mi piace a questo proposito ricordare con orgoglio partenopeo il Cotugno, un ospedale modello elogiato anche da Sky UK per la cura dei pazienti Covid19. 

Che differenze nota con la situazione del paese dove vive? 
In Olanda, a differenza dell’Italia, gli spostamenti interni non sono vietati, non c’è bisogno di alcun documento per spostarsi, non è vietato lo sport all’aperto, negozi e aziende sono ancora aperti. Solo determinati settori sono stati costretti alla chiusura forzata. Vigono comunque delle regole per le distanze sociali e il divieto di assembramento.

Pensa che quest’emergenza possa cambiare le abitudini di chi vive all’estero in relazione alla possibilità di mantenere i rapporti con la sua città? 
Mi auguro che nel giro di qualche mese possa tutto risolversi e che possa tornare Napoli come prima della crisi. Tuttavia questo è un periodo difficile anche per le politiche e gli equilibri internazionali. Questa crisi sta minando alcuni precedenti approcci all’idea di Unione Europea e di solidarietà fra gli Stati. In ogni caso sono ottimista, auspico che la crisi che stiamo attraversando sia una grande opportunità per l’Unione Europea. 

Dalle informazioni che ha, crede che l’Italia possa uscire prima dall’emergenza del paese in cui vive? 
Stando agli ultimissimi dati sembrerebbe che in Italia vi sia un trend positivo, questo grazie alle misure di contenimento applicate e al potenziamento in alcuni casi del sistema sanitario. Sono quindi fiduciosa e penso che presto vedremo la luce in fondo al tunnel. Nonostante i ritardi nell’applicazione del lockdown mi auguro che anche in Olanda possiamo uscire da questa situazione di emergenza quanto prima. 

Casa Fiorinda, la visita a sorpresa di Federica Pellegrini

Casa Fiorinda, la visita a sorpresa di Federica Pellegrini

“Grazie alle operatrici che danno pieno sostegno a Donne coraggiose” Visita a sorpresa di Federica Pellegrini a Casa Fiorinda a Napoli. L'atleta azzurra ha trascorso una serata in compagnia con le ospiti della casa per donne maltrattate Fiorinda. Un luogo fisico di...

I bambini e la moda gender fluid

I bambini e la moda gender fluid

L’allarme di una psichiatra: “I piccoli disorientati dalle lezioni di sesso di insegnanti spesso impreparati” Il piccolo Salvatore, otto anni, si osserva compiaciuto davanti allo specchio mentre prova e riprova le scarpe con i tacchi a spillo della madre: “Dice che...

Vomero, per il parco fantasma arrivano i soldi della Regione

Vomero, per il parco fantasma arrivano i soldi della Regione

La Regione Campania investirà 15 milioni di euro (a valere sui fondi POC 2014-2020) per la riqualificazione di 24 parchi cittadini dislocati nelle varie Municipalità, così com’era stato annunciato nel marzo 2020 (visto che il Comune non ha fondi) dall’agronomo...

La serata dell’amicizia sulla Terrazza Zungri

La serata dell’amicizia sulla Terrazza Zungri

Lo scorso 20 settembre si sono incontrate tutte le socie del Club Innerweel Luisa Bruni sulla “Terrazza Zungri”, il più antico club d’Italia, nato dalle mogli dei rotariani alle quali non era permesso l’accesso nel club. La socia Imma Zungri Emilio ha accolto tutte le...

Campania, da mezzanotte scatta l’allerta meteo gialla

Campania, da mezzanotte scatta l’allerta meteo gialla

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con livello di criticità idrogeologica per temporali di colore Giallo valevole a partire dalla mezzanotte e fino alle 23.59 di domani sulle seguenti zone: 1 (Piana Campana, Napoli,...

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Da Las Vegas a Monte Carlo: le città celebri per i loro casinò

Oggi sentiamo spesso parlare di casinò e di gioco d’azzardo, soprattutto per via del boom della loro controparte digitale registrato negli ultimi anni. Se è vero che il gambling si sta trasferendo in maniera sempre più consistente sul web, il fascino di alcune città...

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te