Buonanno: “Napoli modello virtuoso di accesso alle misure pubbliche per sostenere le fragilità sociali”

da | Apr 20, 2020 | Cronaca

“La scelta di informatizzare gli accessi alla misura del bonus spesa e delle richieste dei pacchi alimentari – spiega l’Assessore alle Politiche Sociali Monica Buonanno – permette all’Amministrazione di tracciare i reali bisogni del territorio cittadino, stratificando le fragilità sociali a seconda delle necessità che presentano.
Per far fronte alla gestione emergenziale delle richieste di aiuto da parte delle categorie a rischio, Napoli – prima in Italia – definisce la “soglia di povertà estrema”, in tempi record. Si tratta di un momento estremamente importante, che permette alla macchina comunale, in pieno lavoro, di il posizionamento di una politica pubblica introducendo anche fattori legati all’emergenza Covid. È di tutta evidenza che per efficientare il processo, sono necessarie risorse aggiuntive ed una attenta verifica di indicatori amministrativi e statistici per l’individuazione della nuova platea di beneficiari, oltre che per l’elaborazione di una priorità di interventi mirata.
Grazie all’incrocio dei dati, sappiamo che l’8,5% degli utenti segnalati dai servizi sociali sta fruendo del beneficio pubblico del bonus spesa in quanto non percettore di alcuna tipologia di sostegno alternativo.
Allo stesso tempo, siamo concentrati a raggiungere con almeno una misura, evitando duplicazioni, chi abbia fatto richiesta di un sostegno e sia in possesso dei requisiti.
Questo sistema ci permette, quindi, da una parte di individuare coloro che
si trovano in una situazione di estrema fragilità economica e sociale; dall’altra, di non dissipare risorse pubbliche e di provare a raggiungere tutti i cittadini in stato di bisogno.
Faremo la stessa operazione di verifica con coloro che faranno richiesta questa settimana del bonus spesa – conclude l’Assessore – perché i valori di equità e giustizia sono la stella polare che guida il nostro operato. È chiaro che davanti a questa situazione straordinaria, le valutazioni sullo stato di povertà della popolazione non possono continuare a rifarsi a modelli pre-crisi. È necessario, infatti, rivedere i modelli territoriali (e non solo se saremo più ricchi o più poveri perché non è solo quello il problema): un nuovo modello di sviluppo economico e sociale è possibile se e solo se ci si rifà al senso di unità, di solidarietà e di responsabilità pubblica”.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te