La guerra tra prime donne nel calcio italiano

da | Apr 17, 2020 | Calcio Napoli

“Alea iacta est”. Gabriele Gravina come Giulio Cesare quando varcò il Rubicone per la guerra dichiaratagli dal Senato di Roma, istigato da un invidioso Pompeo. E fu guerra civile. Ed è guerra “civile” fortunatamente incruenta ma dura tra il numero uno della Figc, sostenuto dal presidente della Lega di A, Paolo Dal Pino, una lega comunque… slegata, e il numero uno del Coni e dello sport italiano Giovanni Malagò, più vicino alla linea governativa, che ha accusato neanche tanto velatamente il calcio di essere fuori dalla realtà e di conseguenza anche il presidente della Figc di “navigare a vista” senza progettualità certa. E al di là della telefonata tra i due che pare più che chiarificatrice sia stata comunque molto calda, ognuno per difendere le proprie tesi, è palese, come già accaduto di recente per altre dichiarazioni di Malagò contro il sistema calcio, che i rapporti tra i due siano al minimo storico, per l’enorme differenza di interessi da difendere e che non sembrano, onestamente, possibili da conciliare proprio per la profonda diversità della posizione del calcio, un mix ormai imprescindibile di industria, affari e sport, con le altre federazioni e discipline sportive.

E se Malagò ha sicuramente ragione nel sottolineare la pari nobiltà e di diritti tra tutti gli sport, affermando di non comprendere né condividere la linea scelta dal calcio di volersi sentire “privilegiato” rispetto a tanti altri sport (con esplicito riferimento al nuovo e dando ragione alle parole di Federica Pellegrini, ndr), anche Gravina ha buona parte di ragione nell’insistere con ostinata tenacia per voler chiudere comunque la stagione 2019/2020 disputando le rimanenti giornate di campionato ad onta delle profonde decisioni interne alla stessa lega di serie A sulla questione, avendo ben chiaro il concetto che se così non fosse, per un qualsiasi motivo, si aprirebbe una serie impressionanti di ricorsi e rivendicazioni senza contare poi del numero di club che fallirebbero dalla A alla serie C. A chi giova dei due questo atteggiamento tanto critico verso l’altro? Malagò, direttamente o indirettamente più vicino alla posizione del ministro dello Sport, Spadafora, con il quale si è spesso intrattenuto a colloquio sulle attuali difficoltà dello sport italiano e del calcio professionistico dovute all’emergenza, è sicuramente più legato ad una visione politica e di gestione globale dello sport nazionale, per cui non può accettare un calcio che rivendichi dei privilegi rispetto alle altre discipline. Gravina, dal canto suo e dalla sua posizione di numero uno di una federazione che, volente o nolente, è il volano dell’intero movimento sportivo italiano, fornisce invece alla sua linea una chiave di lettura economica e sociale del fenomeno calcio come industria e spettacolo che, partendo dalla premessa del fondamentale e primario rispetto e tutela della salute degli atleti, deve tuttavia chiudere in modo regolare la stagione 2019/2020 appena ci saranno le condizioni sanitarie per poterlo fare, evitando così la compromissione anche della successiva stagione. Aspetti diversi, come si vede, ma che fanno parte della stessa medaglia, e faccio fatica, onestamente, a dire quale dei due protagonisti di questa strana querelle abbia più ragione dell’altro. E mi sembra strano, però, che Malagò almeno parzialmente non venga incontro a Gravina che sta lavorando sodo per conciliare gli opposti interessi tra le tre leghe e addirittura tra gli stessi presidenti della lega di A.

Una chiarificazione, la necessità di trovare un punto di convergenza comune, è indispensabile per far ripartire il calcio ma anche per riportarlo sui livelli di assoluta dignità come sport e non solo come mero business. Tra uomini di esperienza e di cultura, non solo sportiva, questa guerra tra prime donne che sembra improntata più al “chi sei tu e chi sono io” piuttosto che al bene comune dello sport italiano, davvero non la comprendo perché può portare solo ulteriori divisioni e danni. Magari con un nuovo intervento duro e assai poco costruttivo del mondo politico, a tutto svantaggio del calcio e dello sport in genere. Uno scontro, quello non solo dialettico tra Malagò e Gravina, dal quale, al momento, è difficile capire chi e perché vincerà, e dal quale potrebbe uscirne sconfitta l’immagine dell’intero sport italiano. Anche perché l’arbitro di questo scontro non sono né le leghe, né la politica, né il comitato medico scientifico del calcio o l’Istituto superiore della Sanità ma il Covid-19. Giudice unico, e purtroppo truce e spietato, non del futuro del calcio o dello sport, ma delle nostre stesse esistenze e di quelle di oltre 22mila vittime che hanno perso la partita più importante: la vita! Riflettessero bene Malagò e Gravina.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te