Al Nord strade piene di gente ma Libero cita Napoli: “Quarantena alla napoletana”

da | Apr 3, 2020 | Cronaca

Non si placano gli articoli denigratori nei confronti di Napoli di una certa stampa che evidentemente ha qualche motivo o interesse per dipingere il Nord come tutto civile e rispettoso delle regole ed il Sud esattamente il contrario.

E cosi dopo gli attacchi di Striscia la Notizia, ci riprova il giornale Libero diretto da Vittorio Feltri alla cui redazione proprio non va giù che in questo periodo triste per l’emergenza Coronavirus la città di Napoli stia emergendo per il suo comportamento civile e per le sue eccellenze nel mondo sanitario. Così ecco sparato in prima pagina un bel titolo (l’ennesimo…) proiettato ad infangare Napoli raccontando una realtà distorta o comunque solo una parte della realtà. Enfatizzando o inventando cose che non esistono e chiudendo gli occhi invece davanti a quanto di buono si fa e accade a Napoli. In prima pagina, infatti, il 3 aprile, Libero dedica la foto centrale alla città partenopea titolando “Quarantena alla napoletana: tutti in strada” e aggiungendo “Ha ragione De Luca: ci vuole il lanciafiamme”. Il solito attacco pilotato. Un titolo che utilizza il luogo comune “alla napoletana” per raccontare il mancato rispetto delle norme anti contagio.

Peccato, però, che proprio mentre la redazione di Libero decideva di sputtanate ancora una volta Napoli, il TG5 dedicava un servizio in cui mostrava non Napoli ma Genova con tanta gente in strada a non rispettare il divieto. Nel TG5 delle ore 13:00 del 2 aprile, infatti, è andato in onda un servizio su come si stanno comportando gli italiani in questo periodo di quarantena.
Nel video si vedono le strade di Roma, Milano e Genova piuttosto affollate.
“Guardate una strada del centro di Genova in queste immagini girate due ore fa: sembra una giornata di inizio saldi”: commenta il giornalista che spiega che anche a Roma ci sono troppe persone in giro e troppe auto.

Ecco la foto del servizio del tg5:

Il centro di Genova pieno di gente mostrato dal Tg5

Ma alla redazione di Libero interessa parlare (male) di Napoli… Ma perché un giornale del Nord che a Napoli nessuno compra dedica così tanto spazio alla città partenopea? Dovrebbe concentrarsi su quelle realtà dove vende più copie, ovvero quelle del Nord che, come per esempio Genova, continuano a far registrare scene in cui si evidenzia il mancato rispetto dei divieti anti contagio. Scene che tutti i tg hanno mostrato anche di Milano, della Lombardia e del Piemonte. Ma a Libero serve parlare male di Napoli… complimenti per l’obiettività!

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te