Il Lungomare sarà blindato per Pasqua e per Pasquetta

da | Apr 2, 2020 | Cronaca

ll povero De Luca continua a sbraitare, a chiedere almeno altri 300 militari (e sarebbero comunque pochi). Il virus in Campania fortunatamente, resta contenuto, ma nemmeno si vedono però segnali estremamente confortanti. I progressi, se ci sono esigui. Le forze a disposizione per il controllo del territorio non riescono a coprire tutte le zone di Napoli, soprattutto le più periferiche, dove vengono segnalati ancora capannelli di giovani che continuano a riunirsi come se nulla fosse. Scampia, la Sanità, la Pignasecca, la zona alta di Calata Capodichino, il Vasto (un dramma qui per la presenza incontrollata di extracomunitari) i Quartieri Spagnoli, la stessa via Foria nel fine settimana riprendono vitalità antiche e questo produce inevitabilmente un rigurgito  di infezioni. E non bastano certo i 40 militari che il governo ha mandato in più a Napoli per tenere sotto controllo la situazione. Per non parlare poi di quanto accade di notte, quando i controlli diventano meno invasivi e la malavita esce dalle “tane”. I pusher continuano a fare festa, indisturbati.

Di fronte a questo scenario tutt’altro che tranquillizzante si prepara ora un pericolo serissimo: riusciranno i napoletani a rassegnarsi all’idea che anche nei giorni di Pasqua e di Pasquetta dovranno starsene nelle loro case? I timori sono fondatissimi e sin da ora si teme l’assalto a via Caracciolo e al Lungomare, con possibili puntate anche a piazza Plebiscito e piazza Trieste e Trento. Proprio per evitare questo pericolo il Comune sta attrezzando unpiano speciale di controlli che riguarderà appunto ii perimetri dei tradizionali luoghi d’arte di Napoli e gli accessi alle strade che conducono fuori città. Ci sarà una particolare attenzione da parte della polizia municipale appunto nei giorni di Paqua e di Pasquetta. “Nei giorni di Pasqua e soprattutto di Pasquetta la nostra attenzione sarà centrata in particolare a presidio di quei luoghi che tradizionalmente sono di maggiore aggregazione – commenta  il comandante della polizia locale, Ciro Esposito – viste le disposizioni non dovremmo preoccuparci di presidiare i parchi che sono già chiusi dal dpcm e quindi potremo concentrare le unità nelle zone a maggior rischio”.

 In media la polizia municipale di Napoli sta impiegando 350 unità al giorno per l’esclusivo controllo del rispetto dei divieti e delle restrizioni imposte per fronteggiare la diffusione del coronavirus. Ogni giorno sono centinaia i controlli effettuati.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te