Coronavirus e calcio: Auré, fattene ‘na raggione, nun se gioca

da | Mar 31, 2020 | Calcio Napoli

In Italia, nonostante i progressi registrati nel numero dei contagiati, si continua drammaticamente a morire. E il mondo del calcio che solo per qualche giorno sembrava rinsavito, si è rianimato ed ora,i soliti (non vi facciamo i nomi, tanto li sapete) hanno ripreso a fare la voce grossa perché vorrebbero far riprendere il campionato. Non vogliono arrendersi all’evidenza: la stagione è finita, non c’è nulla da fare. I soliti pensano ancora di poter decidere loro e non hanno capito, e nessuno riesce a farglielo intendere, che non hanno nessuna possibilità di decidere un bel nulla, perché dovranno attenersi alle decisioni del governo. E il governo ha ufficialmente prorogato la quarantena a dopo Pasqua, ma ufficiosamente si sa che la nuova data reale è il 4 maggio.

Da quel giorno, se tutto dovesse andare bene, graduale ripresa. Graduale, lenta, meditata, cauta, ragionata e concessa in base a priorità logiche. Certo verrebbero privilegiate imprese, università e scuole. Figuriamoci se un governo benpensante potrebbe mai concedere il via libera, da subito , ad una macchina così pericolosa come le partite di calcio, con tutta la movimentazione anche indotta che ne conseguirebbe, quand’anche si dovesse giocare a porte chiuse.

E poi non è che avuto il via libera le squadre potrebbero scendere in campo il  5 maggio. Tutti i preparatori atletici consultati sono stati espliciti: occorerebbero almeno due settimane, meglio tre, di preparazione graduale dopo più di due mesi di inattività. Diciamo che si andrebbe a giugno. Quindi in due mesi, considerato che ad agosto sarebbe impossibile giocare (ma anche da metà luglio) si dovrebbero disputare 12 giornate e mezza di campionato, un po’ di semifinali e finali di Coppa Italia e vari match di Champions ed Europa League. Tutto questo ammesso e non concesso che effettivamente il governo desse il via libera il 4 maggio anche alle manifestazioni sportive (ma Spadafora ha anticipato che per tutto maggio non se ne parla), e fermo restando il dubbio che sia poi davvero il 4 maggio la data di fine quarantena. Tutti periodi ipotetici di ventesimo tipo. E senza considerare che le decine di calciatori ammalitisi di coronavirus potrebbero davvero riprendere l’attività in così breve tempo? Su questo punto nessuno si è mai pronunciato, ma certo i medici sportivi dovranno valutare una situazione nuova ed imprevista anche per loro. E quelli che sono fuggiti all’estero, quando avranno la possibilità di rientrare, dovranno giocoforza sottoporsi ad un periodo di quarantena in Italia. Non sarebbero pertanto subito abili e arruolabili.

Il fronte dei presidenti, per fortuna, non è comunque compatto. I realisti non mancano. Qualcuno li accusa di esser realisti per comodità. Sarà pure così, ma certo ragionano con il buon senso.

Cairo del Torino e Commisso della Fiorentina l’hanno detto apertamente che per loro non ci sono i presupposti per terminare la stagione. Cellino si era espresso categoricamente in tal senso già quindici giorni fa. I panni sono andati stretti a Tare, il portavoce di Lotito: «Interruzione ingiusta, si deve andare avanti per il rispetto dei morti». Che c’azzeccano i morti, avrebbe detto Di Pietro. Accanto alla Lazio come è sempre stato nelle recenti riunioni di Lega, l’immancabile De Laurentiis. Fosse stato per lui i ragazzi sarebbero già a Castelvolturno ad allenarsi da dieci giorni. Poi il ministro Spadafora gli ha fatto capire che le sue decisioni valevano men che zero e sembrava essersi rassegnato. Sembrava. Aurè, fattene ‘na ragione: nun se gioca.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te