Mercato, cessione Meret? Pronto il sostituto

da | Mar 30, 2020 | Calcio Napoli

In questi giorni, non potendosi trattare di calcio giocato e non potendo nemmeno inseguire le boiate di dirigenti, presidenti e addetti vari che ancora discutono sulla possibile ripresa del campionato (siamo ancora a 4000 contagiati e 800 morti al giorno), fioccano le più clamorose indiscrezioni sul calcio mercato e si parla di possibili cessioni a suon di centinaia di milioni. Ovviamente nessuno o quasi nessuno riflette sul fatto che la crisi planetaria dell’economia farà precipitare tutti i valori, compresi quelli dei calciatori e diverranno pure chimere le cifre che ancor oggi circolano. Raiola dovrà farsene una ragione, è finita la cuccagna.

Ma visto che compito del giornalista è quello di dar conto dei fatti che accadono, o nel caso del fantamercato del calcio, delle indiscrezioni che si accavallano, dobbiamo parlarvi di una voce che diventa sempre più insistente e che se mai dovesse rispondere al vero (ma mai comunque alle cifre che circolano) sarebbe per il Napoli un grande smacco. Da addebitare esclusivamente alla responsabilità di Rino Gattuso, che più duro di un mulo si è intestardito a far giocare Ospina come titolare, relegando il fenomeno Meret al ruolo di comparsa. Un errore che gli abbiamo più volte contestato, visto tra l’altro che non aveva e non ha alcuna giustificazione tecnica, se non quella banale e incomprensibile, fornita dallo stesso incauto Gattuso che “Ospina gioca meglio con i piedi”, quando tutto il mondo del calcio sa bene che un portiere deve “giocare meglio con le mani”.

Meret è un bravo ragazzo, anche un po’ timido. Non ha proferito verbo. Ma ovviamente sta facendo le sue valutazioni, anche perché le altre società non stanno a guardare ed hanno capito bene che un campione così un altro anno a scaldare la panchina non se lo può permettere. Se si fossero giocai gli Europei, per i capricci di Gattuso, li avrebbe persi.

E così il taciturno friulano Alex (somiglia sempre più a Zoff) è entrato a pieno titolo nel ciclone delle indiscrezioni e son venute fuori anche le prime valutazioni sulla cifra che De Laurentiis potrebbe chiedere per cedere il suo talento. Ovviamente cifre che non tengono conto di quanto vi abbiamo riferito in premessa. Cioè per 60 milioni il patron azzurro, a malincuore, se ne priverebbe. A quel punto il Napoli dovrebbe poi procurarsi un sostituto e Giuntoli starebbe anche già sondando il mercato. Sul suo taccuino sarebbe riapparso il nome di Sirigu del Torino, 33 anni, un pallino di Ancelotti e già sondato quando c’era da sostituire Reina. Ed oltre a Sirigu, udite, udite, sarebbe tornato di moda il nome di Sepe. Si, avete letto bene: Sepe. Il 28enne di Torre del Greco, reduce da un’ottima mezza stagione a Parma, dove peraltro aveva fatto benissimo anche l’anno scorso, e che poi dovrebbe tornare a Napoli con il rischio di fare il secondo di Ospina.

Ora noi non vogliamo credere all’assurdità di una tale notizia. Perché Sepe era un prodotto del vivaio azzurro. Dopo aver fatto bene in prestito ad Empoli, alla corte di Sarri, il Napoli lo richiamò alla base ma proprio Sarri per due anni non gli fece disputare nemmeno le amichevoli. Al che il ragazzo, stufo di fare solo panchina, chiese ed ottenne di andarsene. È quello che accade quando un allenatore si fissa e provoca un danno irreparabile alla casse della società, oltre che alla carriera del giocatore stesso. Vogliamo parlare di Tonelli, che Ancelotti e Gattuso non portavano nemmeno in panchina e che svenduto per quattro soldi, il giorno dopo, quindi stava benissimo, è diventato titolare ed ha giocato, bene, tutte le partite, con la Sampdoria? Forse che Ranieri sia un rimbecillito? Misteri. E tanto per non dimenticare basta tenere a mente che lo stesso grande Sarri talmente teneva in poca considerazione Zapata che a Dimaro non volle nemmeno farlo allenare con la squadra e lo mise in disparte ad allenarsi malinconicamente da solo. De Laurentiis, rassegnato, accettò i 20 milioni che gli offrì l’amico Ferrero della Sampdoria. Gli sembrò un grande affare, salvo l’anno scorso a fare un tentativo per ricomprarlo a quasi 50. Follie allo stato puro. Così come sarebbero follie la cessione di Meret e la recompra di Sepe. Speriamo che siano solo fake news ai tempi del coronavirus. Perché se si dovessero tradurre in realtà ci sarebbe da piangere.

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

Il derby lo decide Zielinski

Il derby lo decide Zielinski

Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si...

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte dopo il pareggio di Roma, Bologna ko sotto i colpi di Fabian Ruiz, gol bellissimo e Insigne, doppietta su rigore. Il Napoli riparte - Ripartire e riprendere la marcia vincente, questo è l'obbiettivo della serata dei ragazzi di Spalletti, il Milan con...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Il Napoli piega anche la Fiorentina e sono 7 su 7

Il Napoli piega anche la Fiorentina e sono 7 su 7

Il Napoli piega anche la Fiorentina, Lozano nel primo tempo e Rrahmani nel secondo, ribaltano il risultato al Franchi e sono 7 vittorie su 7 per gli azzurri di Spalletti che sono sempre più primi a punteggio pieno. Il Napoli piega anche la Fiorentina - Fiorentina...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te