Irresponsabili in strada: vade retro, cretino

da | Mar 25, 2020 | Cronaca

C’è, in queste giornate di angoscia, un dato, poco commentato perché sfugge alla logica delle statistiche vere, ma che è comunque significativo: ogni giorno in Italia ci sono più cretini che contagiati. I cretini sono gli spavaldi o gli incoscienti che non hanno capito nulla, che quand’anche volessero farsi del male da soli tutto sommato potrebbero anche essere tollerati, ma non comprendono che oltre a farsi del male, lo fanno, e drammaticamente, soprattutto agli altri. Questi cretini girano per la Pignasecca e alla Sanità come nei giorni di Natale, scendono di casa per andarsi a fare una canna, ingaggiano sfide di corsa in moto nelle strade deserte, si riuniscono per giocare d’azzardo, vanno nelle loro chiese, a seconda dei culti (per fortuna i cattolici sono più timorati in tutti i sensi, non solo di Dio) a pregare e persino si appartano in auto per consumare un amplesso extra moenia.

Il dato statistico è surrogato dal numero di denunciati e di multe elevate ogni giorno dai tutori dell’ordine, che superano, in Italia, le diecimila. Quindi esattamente più del doppio dei contagiati che ieri erano quattromila. E il governo non sapendo più a quale santo appellarsi si è visto costretto ad aumentare le multe, nella speranza, temiamo ahimé vana, che i cretini almeno la gravità pecuniaria della sanzione la capiscano. Bisogna poi vedere come, quando e se le multe saranno pagate effettivamente. Ma questo è un altro discorso.

Naturalmente qui la questione assume poi una specificità tutta partenopea. Da un lato gioca l’innata predisposizione al mancato rispetto delle regole. E non si può certo immaginare che un’epidemia, per quanto maligna ed esiziale, potesse nel giro di poche settimane modificare stili di vita, strafottenze anarcoidi, usanze inveterate, incancrenitesi nei secoli e nel moderno sempre più emergenti di fronte al lassismo di un potere centrale distratto, reso inoffensivo dalla cronica mancanza di forze e di uomini. Dall’altro lato è davvero crudele chiedere a questa popolazione il sacrificio di tapparsi in casa, soffocata com’è nei suoi tratti distintivi più caratteristici: la propensione alla creatività (che per la verità continua ad esplicarsi con i mille video in rete), alla convivialità, alla solidarietà, alla celebrazione di “feste e festulelle”. Non vogliamo individuare scusanti, sarebbe fuori luogo. Ma è sicuro che nel tasso di cretinismo acuto che furoreggia in questi giorni, una percentuale di concausa è sicuramente determinato da queste ultime considerazioni.

Visto che non vogliono arrendersi, nei giorni scorsi ci siamo permessi di commentare che i quaranta militari mandati in più a Napoli non servono assolutamente a  nulla. Ce ne vorrebbero almeno venti volte tanti. E che magari li spediscano nelle zone calde, dove a Napoli lo sanno anche le pietre, il tasso di cretinismo è sicuramente più elevato. Purtroppo in momenti come questi la prevenzione non esiste, non ha alcun senso e nessuna deterrenza. Occorre reprimere e duramente, poi faremo tutti i discorsi di questo mondo sulle libertà costituzionali e sulla necessità di rivedere la magna carta, anche in relazione ai poteri esorbitanti delle regioni. Ora dobbiamo vincere la guerra contro il virus e bloccare la perdita di vite umane. Sessanta anni fa, con i primi vagiti della tv in bianco e nero, c’era un scketch mirabilmente eseguito da Walter Chiari e Carlo Campanini, durante il quale il primo, nell’introdurre il secondo, che recitava il ruolo dell’imbranato, pronunciava la famosa frase: “Vieni avanti cretino”. Oggi agli imbranati deficienti che continuano a bighellonare per le strade della città come se niente fosse, bisognerà invertire l’invito: “Vade retro, cretino”.

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te