Ripresa: De Laurentiis si arrende, Gravina no

da | Mar 24, 2020 | Calcio Napoli

Nel momento in cui prima Lotito e poi De Laurentiis rinsaviscono e accettano quello che non si capisce perché non volevano assolutamente accettare, cioè che di ripresa di allenamenti non se ne potesse proprio parlare, visto e concesso che è in ballo la ripresa del campionato, e non solo di quello sospeso, ecco che all’improvviso, dall’uomo che meno te lo aspetti arriva un’altra dichiarazione imprevedibile. E gli interrogativi si ripropongono: ma come è possibile che a certi livelli si possano ancora fare certi discorsi?

Ma andiamo con ordine. Ieri l’epilogo prevedibile, l’unico possibile: allenamenti sospesi a data da destinarsi. Il Napoli ha fatto sapere tramite un comunicato ufficiale che tornerĂ  ad allenarsi solo quando sarĂ  possibile farlo rispetto alle novitĂ  relative al Coronavirus e alla sua diffusione. C’erano pochi dubbi, non era pensabile riprendere a lavorare senza sapere quando – e se – il campionato riprenderĂ  e nel pieno dell’emergenza. I calciatori saranno costretti a restare a casa cercando di tenersi in forma in modo alternativo.

Ormai la maggior parte dei club italiani comincia ad essere pessimista sulla ripresa del campionato, non lo è la Lega che assicura: il campionato ripartirĂ  e si disputeranno tutte le giornate che restano da qui alla fine. Tra le idee inedite c’è anche quella, come in Premier League, di valutare la ripresa a inizio giugno concludendo il campionato entro luglio per poi cominciare, una settimana dopo, quello 2020-21. In tal senso, la Lega fa sapere che con Uefa e Fifa esistono i presupposti per sforare la data del 30 giugno, quando scadono i contratti dei calciatori. Ma anche questa ipotesi è ancora tutta da valutare, come le precedenti. DipenderĂ  dalla lotta all’epidemia: a che punto sarĂ  a giugno e luglio? Si potrĂ  realmente riprendere a giocare? Risposta prevedibile: assolutamente no, visto che ancora oggi continuano a morire centinaia di persone, siamo a fine marzo e il governo sta giĂ  pensando di prolungare tutte le restrizioni al 31 luglio.

In questo contesto così chiaro e drammatico, per tutto quello che comporterĂ  anche nel nel mondo del calcio, con gravi effetti sui bilanci, ecco che improvvisamente, l’uomo che in questo periodo era apparso tra i piĂą moderati se ne esce con una frase che fa accapponare la pelle. A parlare è il presidente della Figc, Gravina: “Ne sento di tutti i colori e ai miei interlocutori ripeto un concetto molto semplice: noi abbiamo una stella polare, è il decreto del Governo che ha fissato al 3 aprile il primo, provvisorio traguardo. Quella data, per ora, fa fede. Il resto è solo chiacchiericcio”. Risponde alle domande che gli hanno posto i colleghi del Giornale in merito alla ripresa degli allenamenti in Serie A. Non tutti i club, infatti, negli ultimi giorni si sono mostrati favorevoli alla ripresa dal 3 aprile in poi. “La questione è nazionale e se si decide che tutti devono stare a casa, devono farlo tutti. In gioco non c’è soltanto la salute del Paese ma la tenuta come comunitĂ . Il calcio deve osservare scrupolosamente questo principio”,.Tutto è il contrario di tutto. Non si capisce piĂą nulla.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te