Anche il vicesindaco di Napoli Enrico Panini ha espresso il suo cordoglio per la morte di Ettore Spigno, lavoratore di Anm, ispettore di esercizio addetto al controllo del servizio di superficie, che rientrato da un viaggio a Torino e a Firenze, dove vivono le figlie, con la febbre, era risultato positivo al Coronavirus.

“Il sindaco di Napoli e la giunta comunale – dichiara Panini – si stringono al dolore della famiglia, della moglie e delle due figlie, in isolamento e separate da lunghe distanze, che non potranno accompagnare il marito e il padre nell’ultimo viaggio. Noi lo ricordiamo alle lunghe riunioni di preparazione per le Universiadi ad aiutarci con tanta professionalitĂ , a riprogettare orari e movimenti del trasporto su gomma. Ettore – racconta il vicesindaco – aveva 62 anni e a fine anno sarebbe andato in pensione, dopo le premurose sollecitazioni dei colleghi di lavoro che lo avevano piĂą volte invitato a riguardarsi, viste le sue non perfette condizioni di salute. Ringraziamo Anm che, come si conviene ad una partecipata del Comune di Napoli, è sempre vicina ai lavoratori e si farĂ  carico dei funerali. Ciao, Ettore, – conclude – e che questa situazione di emergenza finisca quanto prima per la tua famiglia e per tutti noi”.