Bertolaso, il grande organizzatore che batterà anche il virus

da | Mar 24, 2020 | Cronaca

L’ultima notizia, in ordine di tempo, riguarda Guido Bertolaso, è che è risultato positivo al coronavirus. Sì, Guido Bertolaso, il grande organizzatore che ha lasciato l’Africa, dove faceva il medico volontario, per tornarsene in Italia, chiamato dal governatore Fontana per mettere mano alla drammatica situazione della Lombardia, con migliaia di contagiati e di morti e senza posti-letto.

E in meno di una settimana ha quasi allestito un ospedale per soli malati di coronavirus, nei locali abbandonati dell’ex Fiera di Milano. La classe non è acqua. Contemporaneamente lo hanno chiamato dalle Marche, per dare una mano anche lì. Ora lo ha fermato il contagio. Dovrà starsene in quarantena, anche se continuerà via Internet a seguire e dirigere le operazioni.

Nei giorni caldissimi che hanno impegnato il governo nei primi stentati provvedimenti contro il diffondersi del male, quando Conte, che è “vergine” e non è condizionato dalle scorie del passato, si era reso conto che avrebbe dovuto delegare i poteri organizzativi ad un’autorità esterna e capace, fermi restando i compiti del capo della Protezione civile, qualcuno gli aveva giustamente fatto il nome di Bertolaso. Usato sicuro. Ma contro quell’ipotesi era insorto l’ostracismo di tutta la vecchia intellighenzia di sinistra, mai doma. Nei dibattiti televisivi i soliti noti solo a sentir il suo nome mostravamo chiari segni di orticaria. E ai Catoni dal pensiero unico moraleggiante si erano subito accodati l’incolore codazzo del Pd dell’altrettanto incolore Zingaretti e i soliti giustizialisti grillini. Bertolaso? Quello no, è l’uomo di Berlusconi.

Sì, l’uomo di Berlusconi, che nel giro di quaranta giorni diede un tetto vero a migliaia di senzatetto abruzzesi, rimasti all’addiaccio e senza tutto dopo il terrificante terremoto dell’Aquila. E proprio perché in quel posto lo aveva messo Berlusconi e si era conquistato l’apprezzamento unanime di tutti gli italiani, per “attrazione fatale” fu ovviamente coinvolto in una gragnuola giudiziaria durata otto lunghi anni e dalla quale è uscito, naturalmente,, indenne. Lo accusarono di ogni nefandezza, smaltimento illegale di rifiuti, inquinamento, procurato allarme, omicidio colposo, di aver intascato 50mila euro dalla Commissione Grandi rischi, di aver ottenuto in cambio della sua attività prestazioni sessuali da una escort, di aver mandato troppi cessi all’Aquila. Di aver fatto cose turpi nell’organizzare il G8, fatto celebrare da Berlusconi all’Aquila dove tutti i grandi del mondo parteciparono al lutto ancora vivo di quella martoriata città. Nemmeno uno straccio di prova. Assolto da tutto.

Nel 2009 Sky organizzò un sondaggio sui personaggi più popolari d’Italia. Al primo posto risultò Obama (boh?), al secondo Giorgio Napolitano, terzo Bertolaso, quarto il Papa. Era all’apice del successo, ma mortificato da una catena di accuse e di sospetti. Schifato se ne scappò in Africa, rispolverando la sua vecchia specializzazione in pediatria, a curare da volontario i bambini di Sudan, Etiopia, Uganda, Camerun e Sierra Leone.

Ora il “re delle emergenze” è tornato, rifiutato dai partiti di governo con la puzza sotto il naso e invocato dal pragmatico governatore lombardo, è tornato a combattere in prima linea ed ha dimostrato, a dispetto di qualche inguaribile comunista e dei soliti forcaioli alla Di Maio, che gli anni di volontariato non gli hanno fatto disperdere le antiche virtù di grande organizzatore. S’è beccato il contagio, lo aveva messo nel conto. Ma non l’ha spaventato la malagiustizia italiana, figuriamoci se può allarmarsi per un virus, che per quanto perfido e insidioso, non può certo avere la meglio sulla sua pellaccia.

Mail priva di virus. www.avast.com
“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te