De Laurentiis contro tutto e tutti

da | Mar 23, 2020 | Calcio Napoli

C’è qualcosa che sfugge nella testardaggine con la quale De Laurentiis e Lotito pretendono di far riprendere gli allenamenti ai loro calciatori. A prescindere dalla considerazione che un’attività del genere potrebbe già rientrare tra quelle vietate dai vari decreti emessi dal governo, diventa inconcepibile, ragionando con il buonsenso comune, capire quale è il motivo reale che spinge i due presidenti a fissare date per la ripresa, fregandosene di quanto di tragico avviene attorno a loro. La verità è che non forse entrambi non hanno capito che probabilmente il campionato non riprenderà più e quindi sperano, tenendo la squadra sotto pressione, che ove mai dovesse ricominciare, i loro giocatori sarebbero subito pronti a scendere in campo. Pia illusione. Se fosse così. Molte squadre sono decimate dai contagiati, i giocatori stranieri sempre più trovano il modo di scappar sene, insomma quando mai si potrà riprendere?

Veniamo comunque piĂą particolarmente a casa Napoli. Venerdì sera il Napoli, tramite un comunicato ufficiale, l’ha fissata per il 25 marzo, ma è una decisione in chiaro contrasto con quanto indicato dai medici sportivi e dall’associazione calciatori, che tendono a preservare la salute dei tesserati e delle rispettive famiglie. D’altra parte, il calcio non è sfuggito alla diffusione del Covid-19 come dimostrano i casi dei diversi giocatori di serie A infettati dal viru.

Le perplessitĂ  sono tante, anche perchĂ© nella riunione di giovedì scorso 17 societĂ  su 20 totali di Serie A erano d’accordo nel fissare la data della ripresa degli allenamenti per il prossimo 4 aprile. Il Napoli, nella figura del presidente Aurelio De Laurentiis, è stato contrario a quella data indicativa e nella giornata di venerdì il Napoli ha diramato quel comunicato per il 25 marzo: “La questione, in ogni modo, verrĂ  monitorata giorno per giorno e nulla può escludere che De Laurentiis riveda la propria decisione e si allinei con gli altri club di serie A che sono d’accordo (a parte Lotito) a ripartire il 4 aprile, semprechĂ© ci siano le condizioni necessarie per salvaguardare gli staff tecnici e gli stessi calciatori.

Ovviamente ammesso che De Laurentiis volesse veramente costringere i calciatori a riprendere gli allenamenti, oltre a doversi confrontare con le regole e le restrizioni imposte dal governo (bloccate tutte le attivitĂ  sportive, tutte significa anche gli allenamenti, o no?), dovrebbe vincere la prevedibile resistenza dei calciatori, che non vorranno certo esporsi ai pericoli degli spostamenti fino a Castelvolturno e dei contatti durante la fase di allenamento.

Che il Napoli possa riprendere gli allenamenti mercoledì o il 4 aprile trova in completo disaccordo anche il sindaco di Castelvolturno Luigi Umberto Petrella: “Gli allenamenti al Centro sportivo? Credo che in questo momento bisogna mettere da parte tutte le cose non essenziali e lasciare solo l’indispensabile, poi ci sarĂ  tempo per riprendere le attivitĂ  di tutti i giorni e anche lo sport”.

Il primo cittadino di Castel Volturno sottolinea l’emergenza che stiamo vivendo in Italia: “In una situazione preoccupante come quella che stiamo vivendo, dobbiamo avere le idee chiare e bisogna permettere solo ciò che può essere indispensabile. Tutto il resto va messo da parte ed è il caso che tutti si adoperino in tal senso. Lo sport può passare in seconda linea, non è un aspetto prioritario”, le sue parole riportate dall’edizione online de Il Mattino.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te