Mercato: il Napoli prova la volata per Castrovilli

da | Mar 18, 2020 | Calcio Napoli

Visto che non c’è calcio giocato proviamo a discettare come se fossimo al bar dello sport (che è comunque chiuso). Ebbene tra le tanti voci che si accavallano in queste giorni in cui il calcio mercato virtuale è diventato di stringente attualità, ve ne sono alcune che riguardano il Napoli che se rispondessero al vero lascerebbero quanto meno perplessi.

Per affrontare in maniera logica questo discorso bisogna partire da una premessa: contrariamente alle sue abitudini, impaurito dalla piega che stava prendendo la classifica, De Laurentiis ha investito tantissimo a gennaio. E lo ha fatto, ovviamente, tenendo conto anche del mercato estivo. Quella rosa da 10 tanto decantata da Ancelotti faceva acqua da tutte le parti, soprattutto a centrocampo. E quindi gli interventi maggiori si sono concentrati proprio in quel settore. De Laurentiis ha speso 10 milioni per Demme (un affare clamoroso) e 25 per Lobotka. Più o meno coprono lo stesso ruolo, ma sono giovani e garantiscono per il futuro. Demme si è già affermato e rimarrà una pedina basilare anche per l’anno prossimo. Lobotka ha mostrato qualche difficoltà di ambientamento, ma ha numeri e crescerà. Certo nessuno pensa che verrà rimesso sul mercato. Diciamo quindi che il ruolo di regista è coperto.

L’interdizione a centrocampo è oggi assicurata dal solo Allan, che per motivi vari dovrebbe essere ceduto. Errore gravissimo e incomprensibile, uno come lui non lo si trova facilmente. L’unico che potrebbe fare al caso del Napoli è il veronese Amrabat, un’autentica forza della natura che Giuntoli per la verità ha già opzionato, avendo raggiunto l’intesa con il Verona al prezzo di 20 milioni. Ma a quanto pare l’agente del calciatore avrebbe invece preso accordi con l’Inter e il ragazzo fa i capricci, non ne vuole sapere. In questi casi basta mettersi d’accordo sulla provvigione all’agente e il gioco è fatto. Ma De Laurentiis da questo orecchio non ci sente (e non ha tutti i torti), per cui l’affare difficilmente andrà in porto. Quanto al terzo centrocampista, diciamo quello più votato al supporto all’attacco, il Napoli è copertissimo. Ne ha addirittura tre, Zielinski, Fabian e Elmas. Dei tre solo Fabian è tentato dalle offerte che piovono dalla Spagna e in fin dei conti è possibile che De Laurentiis, nonostante tutti i proclami, possa lasciarsi abbacinare dall’”offerta indecente” e lo lasci partire. Resterebbero comunque gli altri due che danno notevole affidamento.

Fatta questa lunga premessa veniamo alle perplessità di cui sopra. Le voci che rimbalzano in questi giorni parlano di un interesse per Castrovilli della Fiorentina. Un vero fenomeno. Il Napoli rinnoverebbe l’offerta di 40 milioni, già presentata a gennaio e rifiutata dalla Fiorentina. Certo sarebbe un gran colpo. Ma dove lo mettiamo Castrovilli? E’ uno che la stesse caratteristiche di Zielinski e Fabian, ma al contrario dei due napoletani che su dieci partite ne imbroccano due, lui ha una media esattamente contraria. Quindi ben venga Castrovilli, ma se il Napoli lo acquista, deve sicuramente vendere Fabian e liberarsi anche di Elmas, perché altrimenti in quel ruolo si ritroverebbe con ben quattro elementi. E che reazione avrebbe poi Zielinski, che sta per rinnovare e che si vedrebbe a quel punto ridotto al ruolo di rincalzo? Insomma gran confusione.

E veniamo all’altro nome che circola, Tonali del Brescia. Un altro grande colpo. Ma Tonali gioca esattamente nel ruolo già coperto da Demme e Lobotka. Se De Laurentiis avesse messo mano alla tasca e avesse sborsato l’estate scorsa 25 milioni il ragazzo era già del Napoli. Ancelotti si sarebbe ritrovato un regista vero e probabilmente il Napoli avrebbe raggranellato qualche punto in più. Ma dopo lunghi pour parler non se ne fece nulla e Tonali è rimasto a Brescia dove è esploso ed è finito persino in Nazionale a contendere il posto di titolare a Verratti. Oggi costa 80 milioni. Ammesso che De Laurentiis fosse disposto a sborsare una cifra folle del genere, poi Tonali dove giocherebbe? Demme e Lobotka dovrebbero accomodarsi in panchina? Oppure Gattuso lo sperimenterebbe al posto di Allan? Follie.

Ecco perché a nostro modesto avviso le voci che riguardano Castrovilli e Tonali sono autentiche fake news. Non avrebbe alcun senso andarli a prenderli svenandosi. Sarebbe meglio che il tesoretto che entrerà dalle vendite dei vari Lozano, Milik, Allan e Koulibaly (per non parlare di Hysaj, Llorente, Luperto, Goulham e Younes, tutti in lista di sbarco) Giuntoli lo investisse per concentrasi su un grande centrale di difesa, un grande bomber e un grande intenditore, se parte Allan. Sono i tre lati scoperti, da puntellare.

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te