Ecco come Milano non rispetta il divieto di uscire di casa

da | Mar 18, 2020 | Cronaca

In tutta Italia si registrano continui casi di violazioni del divieto di uscire di casa per l’emergenza Coronavirus e per il rischio di contagio. Eppure facendo zapping da un canale all’altro, si rimarca sempre la compostezza delle città del Nord e di contro l’assenza di civiltà del Sud, per poi parlare della città che fa più notizia, Napoli. L’altro giorno, per esempio, mentre su Sky Sport elogiavano i cittadini di Torino perché la piazza principale era semideserta, sulle reti Mediaset passava un video dove si vedeva un affollamento di persone a Napoli e quasi contemporaneamente anche la Rai si affannava a mostrare dei cassonetti pieni di rifiuti ai Quartieri Spagnoli: “Così si vive a Napoli ai tempi del Coronavirus”.

Ora, siccome la realtà è esattamente all’opposto, è bene ricordare che mentre Napoli non solo sta rispettando il divieto (tranne pochi idioti che però si trovano in giro in tutta Italia) ma sta anche trovando la via per alleviare le sofferenze dei contagiati da Coronavirus, al Nord non ci stanno capendo niente, hanno il primato di decessi eppure la gente continua ad invadere le strade delle città. Prendiamo Milano come esempio e vediamo quello che succede a Milano ma che, non essendo Napoli, non fa notizia.

Innanzitutto le prime speculazioni sulla vendita di mascherine protettive sono state registrate proprio a Milano in più casi già dal mese di febbraio. In più operazioni la Guardia di Finanza è stata costretta ad intervenire per combattere fenomeni di aumento ingiustificato dei prezzi o altre condotte illecite legate alla vendita illegale di Amuchina, mascherine e altri gel disinfettanti “per speculare – come ha spiegato Arturo Tacconi, comandante del primo Nucleo operativo metropolitano di Milano –  sul senso di insicurezza dei cittadini” che in questi giorni hanno più difficoltà a reperire questa merce. Inoltre, numerosi sequestri di mascherine vendute in strada, soprattutto da stranieri, sono stati effettuati nel centro di Milano ed in particolare vicino alle stazioni della metropolitana.

Poi in un parco è scoppiata una rissa tra giovani ed il fatto è stato documentato da alcuni video messi in rete ma non apparsi sulle tv nazionali.

La folla di passeggeri con le mascherine in metropolitana

E ancora: sui social (badate bene non sulle tv né sui giornali nazionali) spuntano delle foto della folla di passeggeri nella metropolitana di Milano che è piena come prima dell’emergenza Covid-19. La scusa del lavoro non regge dal momento che sono aperti solo i negozi di generi alimentari, i tabaccai, le edicole e le farmacie. Indignazione? No, silenzio…

Passano i giorni ma i milanesi proprio non riescono a rispettare il divieto di stare a casa.

I navigli in questi giorni di emergenza Coronavirus

Ed ecco che sempre sui social vengono postate decine di foto di utenti che mostrano i navigli pieni di sportivi intenti a fare jogging: una folla di persone che contrasta con il divieto imposto dal Governo. Se fosse successo a Napoli i tg nazionali avrebbero detto che i napoletani si danno allo sport come scusa per uscire da casa. E invece accade a Milano e l’unico a parlare è l’assessore regionale al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera che denuncia pubblicamente che “da controlli effettuati in collaborazione con le compagnie di telefonia sulle celle telefoniche risulta che a Milano si sposta il 40% delle persone. Ancora troppe”.

E questo proprio mentre il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, si dice disperato perché il numero di contagi continua ad aumentare vertiginosamente.

Ma intanto, come se nulla fosse, una coppia di amanti viene trovata in auto a fare sesso invece di stare a casa e poi sempre a Milano si organizzano treni e pullman per riportare al Sud migliaia di persone potenzialmente contagiate a Milano: sui tg si dà la colpa alla gente del Sud che ha lasciato Milano (giustamente) ma nessuno si chiede come sia stato possibile ciò sotto gli occhi di istituzioni e forze dell’ordine…

Infine, va ricordato che a Milano le forze dell’ordine stanno elevando centinaia di multe per il mancato rispetto del divieto di uscire di casa e addirittura un giorno sono state trovate a passeggiare candidamente due ragazze che portavano a spasso addirittura un cavallo!

Vedere per credere. Nella foto pubblicata da Repubblica Milano si possono notare in fondo alla strada anche altre persone che tranquillamente sono ferme sul marciapiede.

Le due donne con il cavallo a passeggio fermate dai carabinieri a Milano.

Se fosse successo a Napoli… la notizia avrebbe fatto il giro del mondo!

Potremmo continuare a citare i casi in cui Milano avrebbe meritato un po’ di spazio sui tg nazionali ma non lo faremo. Anche perché il nostro obiettivo non è demonizzare i cittadini di Milano ma far capire che certe cose non accadono solo a Napoli, anzi spesso al Nord si fa molto peggio. Solo che non ve lo raccontano!

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Il 21 settembre alle ore 20,00 puntualissime ed eleganti, come loro costume  si sono incontrate tutte le socie del Club Inner Weel Luisa Bruni (il più antico club d'Italia)  sulla "Terrazza Zungri". Il Club Inner Wheel è un'associazione femminile strettamente legata...

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te