Condivisione e creatività per fronteggiare la paura dell’emergenza Covid-19

da | Mar 17, 2020 | Psicologia

Vi proponiamo un articolo scritto per il Quotidiano Napoli dalla Psicologa Dottoressa Bianca Pastore.

Sfuggente, piccolo, praticamente invisibile: in questo momento siamo uniti contro il Covid-19, un nemico dalle dimensioni microscopiche ma in grado di condizionare le nostre esistenze.

Noi tendenzialmente abituati alla richiesta di attuare dei comportamenti, questa volta, siamo posti davanti alla richiesta di non fare.

Quarantena, lontananza dai propri cari, un isolamento vero e proprio in cui è lecito sentirsi impreparati psicologicamente; questa emergenza tocca corde profonde e alcuni bisogni come quello di salute e sicurezza.  Tutti gli psicologi italiani sono impegnati al massimo nella mobilitazione contro i Covid-19 per fronteggiare al meglio la situazione. Qualora avverti il bisogno chiedere un aiuto psicologico, non riesci a venire fuori da emozioni come paura o ansia, il  sonno è compromesso, puoi rivolgiti ad uno specialista che saprà aiutarti anche a distanza tramite videoconferenza, modalità con cui personalmente continuo il percorso psicologico con i pazienti.

Questo tempo sospeso tra paura e speranza, solitudine e noia, dubbi e condivisione, ci pone davanti ad emozioni che si intrecciano in un equilibrio che va affrontato senza alimentare eccessive preoccupazioni ma senza neanche minimizzare.

Poniamoci in una posizione da cui creare una nuova quotidianità coniugando l’emozione di paura alla creatività, che contraddistingue l’essere umano. Anche nell’ambito lavorativo atteniamoci con creatività alle direttive; ad esempio per ciò che concerne la scuola, la didattica digitale o a distanza  non potrà rimpiazzare la bellezza della relazione fatta anche di sguardi, risate o emozioni, ma potrà assicurare a ciascuna classe l’opportunità di andare avanti condividendo il percorso.

Dunque viviamo questo tempo. Via il pigiama e impariamo ad organizzare e scandire le nostre giornate. Guardiamo quei film che magari non abbiamo visto perché distratti da altro o dal poco tempo a nostra disposizione. Riprendiamo quella passione rimandata da troppo tempo. Dedichiamo del tempo all’attività fisica che ci permetterà di ascoltarci ed entrare in contatto con il nostro respiro ed il nostro corpo. Continuiamo a coltivare il nostro lavoro o il tema della formazione professionale ad esempio riprendendo quel testo lasciato in sospeso o seguendo un corso online. Scriviamo, sia per lavoro che per riflettere e condividere. Infatti al tempo del coronavirus è utile imparare a condividere riflessioni e  sentimenti sui propri stati d’animo, con le persone che per te sono importanti. La creatività, la fiducia, la condivisione, in questo momento ancor più, sono gli antidoti alla paura. È opportuno non chiudersi nella paura e non restare a letto.

Manteniamo le distanze ma continuiamo a guardarci negli occhi, attraverso gli strumenti on line.

Paradossalmente in questi giorni capiremo quali sono le persone a cui desideriamo stare davvero accanto, anche dopo la situazione di emergenza. In questi giorni emergono dati sull’aumento di litigi di coppia per gli spazi ristretti, amori che sembrano non resistere al tempo lento imposto. Ma non sottovalutiamo i dati circa quegli amori che delicatamente stanno nascendo in un questo stesso tempo, in cui la paura dolcemente si intreccia alla speranza.

“Questa emergenza ci manda un messaggio chiaro: l’unico modo per uscirne è la reciprocità, il senso di appartenenza, il sentire di essere parte di qualcosa di più grande di cui prendersi cura e che si può prendere cura di noi.”

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca trasforma in positivi i primati negativi della regione

De Luca, dopo un periodo di “appannamento mediatico” sta tornando al proscenio con tutta la sua carica comunicativa. E lo fa, per non smentirsi, nel bene e nel male. Replica, ad esempio, alla stravagante inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti durante la prima...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te