Coronavirus: se uscite e rientrate scarpe fuori dalla porta? Il parere del virologo

da | Mar 16, 2020 | Cronaca

Un audio circolato da ieri in rete ha seminato panico e scompiglio più di quanto già non ce ne fosse in queste ore tra gli italiani. Anche le scarpe in tempi di Coronavirus possono suscitare allarme. Secondo l’audio il solito “amico medico di Milano consiglia caldamente di utilizzare un solo paio di scarpe per andare fuori. Non solo: anche di lasciarle fuori dalla porta di casa un volta utilizzate, perché a suo dire il virus riesce a rimanere vivo per 9 giorni sull’asfalto”

L’audio con il suggerimento sulle scarpe da indossare (un unico paio) e lasciare poi fuori dalla porta di casa, ha fatto velocemente il giro delle chat di tutta Italia, tanto che ne ha accennato anche il presidente dell’Istituto superiore di sanità in conferenza alla Protezione Civile.

Tranquilli, tutto falso, una fake news. Lo ha spiegato il noto virologo Fabrizio Pregliasco all’Adn Kronos Salute: ”È un fake. È vero, il virus può sopravvivere qualche giorno, ma con una carica virale irrisoria. La sporcizia, ovvero il substrato organico, può in qualche modo facilitare la sopravvivenza del microrganismo, ma è davvero minima la quota che può essere portata dalle scarpe”. Inoltre, come ha ricordato il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, questi virus sopravvivono sulle superfici. Ma “laddove non vengano esposti a disinfezione, o anche ad elementi come sole, pioggia, intemperie”.

Insomma pericolo ridotto davvero ai minimi termini e come sempre la raccomandazione è di insistere su un’igiene accurata delle mani e sulla pulizia degli ambienti.

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato un 39enne di Quarto già noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione...

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Questa mattina il Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha ricevuto a Palazzo San Giacomo il nuovo Prefetto di Napoli Claudio Palomba, napoletano di 61 anni, tornato nella città partenopea dopo aver guidato la prefettura di Torino  «Una figura di assoluto prestigio con...

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Ieri notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Conte di Ruvo sono stati avvicinati da un passante che ha segnalato loro un furto in atto ai danni di un bar in via Bellini. I poliziotti, ...

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Gli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria per la Campania, nell’ambito dei servizi di vigilanza predisposti in stazione, hanno arrestato un cittadino algerino 50enne per il reato di furto aggravato. L’uomo ha attirato l’attenzione degli operatori della Squadra...

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Lo spazio culturale di eccellenza per la ricerca  pedagogica nell’assonanza tra teatro e insegnamento Il bisogno delle relazioni, dei rapporti con gli altri stimola anche la didattica universitaria post Covid: ritorna, infatti, in presenza, il 26 novembre, nel Teatro...

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

A seguito di una segnalazione, il personale della Polizia Locale di Napoli, dell’U.O. Avvocata, insieme al reparto specialistico di Tutela Edilizia, è intervenuto in Via Emanuele De Deo, dove, terzo piano di un grande condominio, il proprietario di un appartamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te