Virus: il paradosso delle Poste

da | Mar 14, 2020 | Cronaca

In tempo di Coronavirus e di attuazione delle misure restrittive imposte dai Dpcm del 4 marzo e dell’11 marzo anche la consegna diretta di multe, cartella esattoriali, atti giudiziari assicurate o raccomandate con ricevuta di ritorno può essere un comportamento a rischio di contagio per gli attori interessati dal processo: il portalettere e il destinatario. Ed è per questo che Poste italiane dal 6 marzo scorso per contribuire alle misure di contenimento del virus Covid-19, ha stabilito nuove modalità di erogazione del servizio di recapito. “Il portalettere – si legge nella nota sul sito – provvederà all’immissione dell’invio nella cassetta domiciliare o in luogo con condizioni minime di sicurezza, informando il destinatario o altra persona abilitata di tale modalità di consegna ed attestandola, in qualità di incaricato di pubblico servizio, con la propria firma sui modelli di consegna e gli avvisi di ricevimento. È facoltà del destinatario o della persona abilitata richiedere, al momento del recapito, il rilascio dell’avviso di giacenza, con conseguente deposito dell’invio presso l’ufficio postale per il ritiro nei termini indicati nello stesso. In caso di assenza temporanea o rifiuto dell’invio, saranno applicate le consuete modalità di recapito. La medesima procedura potrà essere applicata anche ai pacchi”. Quanto poi alle notifiche a mezzo posta, come indicato ancora sul sito “tenuto conto della impossibilità di effettuare il recapito a mano, a tutela della salute dei lavoratori e degli utenti, gli invii saranno direttamente depositati presso gli Uffici Postali e si darà corso agli adempimenti prescritti dall’art. 8 della legge 890/1982, con rilascio di “avviso in busta chiusa a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento”, (c.d. CAD)”.

Ma si tratta davvero della modalità di consegna o meglio di “non consegna” a questo punto più idonea a limitare la diffusione del contagio?
Se lo chiede l’avvocato Erich Grimaldi, trovatosi in una delle situazioni sopraindicate. “L’addetto dell’ufficio postale – racconta Grimaldi – in presenza del portiere dello stabile, incaricato, da sempre, al ritiro di plichi e raccomandate, anziché consegnare il plico a me destinato, ha rilasciato nelle mani dello stesso portiere, un avviso di giacenza, costringendomi (trattandosi di atto in scadenza), a recarmi, in uno stato di pandemia e pericolo di contagio, all’ufficio postale”. Recatosi all’ufficio postale dove “non tutti gli impiegati indossavano la mascherina” il direttore per tutta risposta gli ha consegnato un avviso, che richiamando il Dpcm del 4 marzo 2020, che prescrive misure per contenere la diffusione del COVID-19, statuisce che “il recapito di posta raccomandata, assicurata e pacchi potrà essere effettuato, tramite immissione nella cassetta domiciliare o luogo, con condizioni minime di sicurezza per l’invio, richiamando l’art. 25, comma 2, della delibera 385/13/CONS”. “Ma l’articolo chiamato in questione – spiega Grimaldi –  prevede che la consegna degli invii postali avvenga presso l’ufficio postale, quando sussistano oggettive difficoltà che comportano speciali aggravi o pericoli per il portalettere”. “Dove sarebbe lo stato di pericolo a consegnare il plico al portiere incaricato – si chiede Grimaldi – al quale, comunque, il portalettere rilascia l’avviso di giacenza? Non è forse più pericoloso costringere centinaia di persone a recarsi, in un momento di pandemia, all’ufficio postale, con impiegati senza mascherina, dove si entra due persone alla volta e si creano facilmente assembramenti all’esterno?”

Siamo infatti in presenza di un paradosso: alla situazione di “pericolo” (quella evitata al portalettere) saranno comunque esposti un numero maggiori di attori: i dipendenti dell’ufficio postale che dovranno consegnare agli utenti il plico e tutti i cittadini che saranno costretti, per necessità (indotta da un “disservizio”) a recarsi agli sportelli, aumentando il rischio del moltiplicarsi delle occasioni di contagio, proprio quello che le nuove modalità di erogazione del servizio di recapito dichiarano di voler contribuire a contenere…

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te