Calcio, caffè e sigarette: le passioni più forti del divieto di uscire

da | Mar 14, 2020 | Cronaca

Se la gran parte dei napoletani ha compreso la gravità della situazione in merito alla diffusione del Coronavirus e sta rispettando, quindi, l’ordine di stare a casa e uscire solo per necessità, c’è una piccola parte di persone che nella provincia napoletana proprio non vuole rassegnarsi all’idea della quarantena. E che non riesce a rinunciare in particolare al calcio, al caffè del bar e alla sigaretta (di contrabbando).

Due giorni fa, in via Manzoni a Napoli, dieci persone sono state sorprese ad allenarsi in una palestra in barba al divieto di uscire e con la stessa irresponsabilità, ieri sette persone ad Anacapri sono state trovate a giocare a pallone dai carabinieri che li hanno denunciati per il mancato rispetto del divieto anti contagio deciso dal Governo. I sette “furbi” della situazione hanno lasciato le loro abitazioni senza giustificato motivo ed hanno scavalcato la recinzione di un campo sportivo per giocare a calcio. Ma non sono stati gli unici a comportarsi così: ad Ercolano i carabinieri hanno setacciato le strade della città denunciando tre titolari di altrettanti bar che erano aperti e affollati di clienti desiderosi di caffè nonostante il divieto imposto dal Governo mentre a Torre del Greco due persone sono state denunciate perché si sono messe a vendere sigarette di contrabbando ai passanti. I “contrabbandieri” hanno indossato le mascherine (uno dei due aveva quella di ultima generazione) e si sono recati sul posto di “lavoro” a vendere le bionde ai loro clienti ma sono stati bloccati e denunciati dai carabinieri. A Torre Annunziata benedicono la bara nonostante il divieto di effettuare cerimonie funebri: così un parroco ed un imprenditore sono stati denunciati dai carabinieri. I militari dell’Arma della compagnia del posto, insieme agli agenti della Polizia Municipale, impegnati nelle operazioni anti contagio, hanno sorpreso e denunciato il parroco di una chiesa e il titolare di un’agenzia di pompe funebri per aver organizzato la benedizione di una bara alla presenza di numerose persone. Infine, a Napoli nel quartiere Fuorigrotta, gli agenti della Polizia Municipale hanno denunciato un venditore abusivo di frutta mentre a Bagnoli hanno sanzionato il titolare di un supermercato perché non faceva rispettare la distanza tra i clienti imposta dal decreto anti contagio.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te