Napoli, lavoratore Asia positivo al Covid-19

da | Mar 13, 2020 | Cronaca

Un lavoratore Asia, già ricoverato dal 5 marzo presso il Cardarelli e successivamente trasferito al Cotugno, è risultato positivo ieri sera al Coronavirus.
Su richiesta della Asl – Distretto 28 – la Direzione del personale di Asia ha inviato la lista dei lavoratori che per turno di servizio potrebbero aver avuto contatti con il lavoratore, che ha mansioni di autista. In ogni caso, in via prudenziale, l’intero turno è stato subito messo in ferie per evitare che si presentasse in servizio già stamattina.


La struttura di riferimento del lavoratore era già rientrata nel programma generalizzato che Asia sta svolgendo, presso tutte le sue sedi a partire dal 27 febbraio ed è stata sanificata lo stesso 5 marzo e di nuovo sanificata nel turno di ieri sera.
“In queste ore – afferma Maria de Marco, presidente di Asia – l’Azienda è impegnata ad attivare sin dal prossimo turno, con risorse umane e mezzi interni, la copertura dei servizi che non possono essere interrotti. Intanto – aggiunge – vogliamo esprimere al lavoratore a vicinanza del sindaco de Magistris e dell’Azienda. Lo aspettiamo presto e di nuovo tra noi appena guarito“.

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Con provvedimento in corso di pubblicazione, il Presidente della Regione Campania  ha richiamato tutti i datori di lavoro, pubblico e privato, all'osservanza delle norme di prevenzione sanitaria, in particolare riferite all'uso delle mascherine. Sulla base di quanto...

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Vomero, aggrediscono un rider vicino al McDonald’s

Nella serata di martedì i Carabinieri della compagnia Vomero vengono allertati per un giovane ferito presso il McDonald?s di via Giovanni Merliani. Dai primi accertamenti ancora in corso pare che un 19enne rider, verso le 20:30, sia stato accerchiato da un gruppo di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te