Coronavirus: al Cotugno in fila per tampone, sputa contro sanitari

da | Mar 11, 2020 | Cronaca

Un medico e un infermiere sono stati aggrediti ieri sera nell’ospedale Cotugno di Napoli come riporta l’ansa da una persona con sintomi febbrili che era in attesa di fare il tampone: spazientito dall’attesa l’uomo è andato in escandescenza e, dopo essersi tolto la mascherina ha sputato addosso a una dottoressa e a un infermiere che stavano cercando di riportarlo alla calma. I due sanitari sono stati messi in quarantena e il locale dove è avvenuto l’episodio è stato evacuato e sottoposto a sanificazione. “I delinquenti come quello che ha sputato addosso ai medici obbligandoli alla quarantena vanno trattati come tali. Questo soggetto andrebbe arrestato e messo subito in isolamento. Ho chiesto al Questore di prevedere un presidio fisso delle forze dell’ordine al Cotugno” dichiara il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Giustamente come afferma il direttore generale dell’ospedale Cotugno di Napoli Maurizio Di Mauro sputare addosso a una persona quando si hanno, in un momento come questo, sintomatologie e febbre, equivale a sparare. Io credo sia anche peggio. Infatti sparare contro una persona è mettere in pericolo una sola persona, sputare contro un medico ed un infermiere in momento come questo e in un ospedale come il Cotugno è come sparare contro più persone, perché quel medico e quel infermiere se avessero lavorato potevano salvare molte altre persone. Questo criminale va incriminato con accuse pesantissime. Al personale del Cotugno va la nostra massima solidarietà però non possiamo permetterci che criminali, delinquenti, incivili e gente fuori di testa che si sta presentando in modo sempre più frequente al presidio ospedaliero per farsi fare i tamponi possa mettere a repentaglio la loro azione sopratutto in un momento come quello attuale” conclude Borrelli.

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te