Insigne, come si diventa leader

da | Mar 10, 2020 | Calcio Napoli

Nelle ultime giornate è diventato un leader. Da quando è arrivato Gattuso, Lorenzo Insigne è tornato ad alti livelli. Con Ancelotti, il capitano del Napoli ha avuto qualche incomprensione e, come tutto il resto della squadra, il suo rendimento era piuttosto basso.
Con l’arrivo di Gattuso, Insigne sta facendo anche maggiormente la parte del capitano, cercando anche di dare manforte ai compagni e, spesso, si rivolge al pubblico, chiedendo un maggiore sostegno. Più di una volta, si è visto il giocatore correre in difesa a recuperare palloni e a dare una mano a qualche compagno in difficoltà. Dopo il gol contro il Salisburgo in Austria, andò ad abbracciare Ancelotti, ma era evidente che tra lui e l’ex tecnico del Napoli non ci fosse feeling ed anche con Gattuso, inizialmente, le cose non andavano per il verso giusto. Pian piano, poi, anche con l’arrivo delle prime vittorie, la situazione è cambiata ed anche sul piano psicologico e della personalità, Insigne sembra un giocatore diverso. Era stato accusato da una parte della tifoseria di essere uno dei capi della rivolta dopo la gara contro il Salisburgo al San Paolo, quando la squadra rifiutò di andare in ritiro fino alla partita successiva contro il Genoa. In realtà, quell’ammutinamento fu deciso da tutta la squadra.


Da quel momento furono commessi vari errori ed iniziò una serie di risultati negativi, culminati con l’esonero di Ancelotti. Con l’arrivo di Gattuso, inizialmente, le cose non erano cambiate, ma poi, anche con alcune modifiche tattiche, la situazione è certamente migliorata con le ultime tre vittorie consecutive contro Cagliari, Brescia e Torino. Per il momento non si sa se il campionato verrà sospeso oppure si continuerà a giocare a porte chiuse, ma, ad ogni modo, il Napoli è ormai uscito dalla crisi e cercherà a tutti i costi di arrivare in Europa League, senza dimenticare che gli azzurri hanno già vinto la gara di andata della semifinale di coppa Italia 1-0 contro l’Inter a Milano e dovrà disputare la partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Barcellona al Camp Nou (1-1 la gara di andata al San Paolo). Insomma, ci sono i presupposti per un gran finale di stagione, anche se, ovviamente, bisognerà capire se ci sono le condizioni per giocare, perché, ovviamente, in un momento molto difficile come questo che il paese sta vivendo, la prima cosa da fare è la tutela della salute.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te